Martin MarLed V10 / V15 Service Manual

advertisement
Lampade scialitiche KLS Martin
marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Versione 1.0.–IT (06.09)
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Sommario
1
Responsabilità civile del produttore e garanzia ................................5
1.1
1.2
1.3
Indicazioni generali ..............................................................................5
Garanzia.............................................................................................5
Verifica alla consegna in caso di fornitura di pezzi di ricambio.....................6
2
Introduzione ..............................................................................7
2.1
2.2
Indicazioni per il tecnico di servizio.........................................................7
Ulteriori documenti da osservare............................................................8
2.2.1
Tavola sinottica della documentazione relativa ai prodotti marLED®,
surgiCamdigital® e medTFTpro® ............................................................................ 8
2.3
2.4
2.5
2.6
Tipi di lampade – comando e opzioni ......................................................9
Simboli utilizzati nel presente manuale di servizio................................... 10
Simboli sul prodotto ........................................................................... 11
Definizioni e abbreviazioni................................................................... 11
3
Norme di sicurezza.................................................................... 12
3.1
3.2
Indicazioni generali ............................................................................ 12
Opzione "laser pilota" ......................................................................... 15
4
Schemi elettrici......................................................................... 16
4.1
Schemi elettrici del corpo della lampada................................................ 18
4.1.1
Schema di cablaggio corpi delle lampade marLED® V10 / V16 ............................. 18
4.1.2
Alimentazione dei light engine (unità di luce) ................................................... 19
4.2
4.3
Schema elettrico impugnatura con surgiCamdigital® .................................. 21
Schemi elettrici dei bracci snodabili ...................................................... 22
4.3.1
Schema elettrico per braccio snodabile a 5 poli con pannello di comando a parete
e opzione backLite........................................................................................ 22
4.3.2
Schema elettrico per braccio snodabile a 9 poli con pannello di comando a parete
e telecamera opzionale ................................................................................. 23
4.4
Schemi elettrici del tubo a soffitto ........................................................ 24
4.4.1
Schema elettrico del tubo a soffitto con un massimo di 27 VAC/26-36 VDC con
commutazione ASS ...................................................................................... 24
4.4.2
Schema elettrico del tubo a soffitto con Power Module da 85–240 VAC senza
commutazione ASS a partire dalla versione HW 05............................................ 25
4.4.3
Schema elettrico del tubo a soffitto marLED® con Power Module da 85-240 VAC
con commutazione ASS e dispositivo di riconoscimento interruzione energia
elettrica ...................................................................................................... 26
4.5
4.6
RS232 tramite l’interfaccia COM........................................................... 28
Misurazione della tensione tramite il connettore di servizio ...................... 29
2
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
5
Ricerca guasti........................................................................... 30
5.1
Esempi di guasti con indicazione delle possibili cause e dei rimedi............. 30
5.1.1
Non è possibile alcun comando (ad es. luminosità) dal pannello di comando a
parete ........................................................................................................ 30
5.1.2
Impossibile accendere la lampada................................................................... 30
5.1.3
La lampada si accende e si spegne continuamente ............................................ 30
5.1.4
I display nel pannello di comando sono scuri nonostante la presenza di tensione e
non si riesce ad accendere la lampada............................................................. 30
5.1.5
Nessuna funzione al pannello di comando alla parete......................................... 31
5.1.6
La lampada è spenta, ma continua ad emettere una luce fioca (V10) ................... 31
5.2
Segnalazione errori sul display............................................................. 32
5.2.1
Messaggi di errore con descrizione.................................................................. 32
5.2.2
Localizzazione del light engine difettoso........................................................... 34
5.2.3
Segnalazione di errore sul pannello di comando a parete ................................... 35
6
Sostituzione di componenti......................................................... 37
6.1
6.2
6.3
6.4
6.5
6.6
6.7
6.8
6.9
Tavola sinottica del corpo della lampada ............................................... 37
Rimozione della parete posteriore ........................................................ 38
Utilizzare gli estrattori per i connettori per cavi ...................................... 40
Sostituzione dei light engine................................................................ 40
Sostituzione dell’elettronica di controllo................................................. 43
Sostituzione del sistema cardanico ....................................................... 45
Sostituzione del pannello di comando ................................................... 47
Sostituzione di un vetro della lampada .................................................. 48
Caricamento del software.................................................................... 48
7
Sistemi bus .............................................................................. 50
7.1
Definizioni ........................................................................................ 50
7.1.1
Bus CAN e indirizzo ...................................................................................... 50
7.1.2
Resistenza terminale RA del bus CAN............................................................... 50
7.1.3
Bus I2C e indirizzo ....................................................................................... 50
7.1.4
Interfaccia RS232......................................................................................... 50
7.2
Commutatore DIP per indirizzo e resistenza terminale............................. 51
7.2.1
Commutatore DIP per indirizzi CAN (0=off, 1=on) e configurazione:.................... 51
7.3
Componenti elettronici........................................................................ 55
7.3.1
Interfacce, connettori e fusibili dell’elettronica di comando ................................. 55
7.3.2
Pannello di comando a parete ........................................................................ 57
7.3.3
Laser.......................................................................................................... 58
7.3.4
Modulo di controllo della telecamera ............................................................... 58
7.4
7.5
Sostituzione del blocco di contatto........................................................ 59
Verifica della tensione ........................................................................ 60
7.5.1
Controllo di tensione sul braccio snodabile/sul blocco di contatto......................... 61
V 1.0
3
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
7.6
backLite ........................................................................................... 62
7.6.1
Impostazioni backLite ................................................................................... 62
7.6.2
Opzione trasformatore di tensione per il backLite .............................................. 63
8
Targhetta e numero di serie ....................................................... 64
8.1
Composizione del numero di serie ........................................................ 65
8.1.1
Spiegazioni relative alle posizioni 6 e 7 del codice "Tipo di prodotto":................... 67
8.2
Numero di serie surgiCamdigital® ............................................................ 68
9
Cronologia degli aggiornamenti ................................................... 69
9.1
9.2
Prospetto delle modifiche software ....................................................... 69
Prospetto delle modifiche hardware ...................................................... 70
10
Dati tecnici............................................................................... 71
10.1
10.2
Dati tecnici generali ........................................................................... 71
Dati tecnici marLED® .......................................................................... 72
11
Controllo di sicurezza tecnica (CST) e manutenzione intensiva......... 74
11.1
11.3
Indicazioni sul controllo di sicurezza tecnica (CST) e sulla manutenzione
intensiva .......................................................................................... 74
Verbale di manutenzione intensiva compreso il controllo sicurezza tecnica . 76
Indicazioni di verifica relative alla manutenzione intensiva ....................... 78
Verbale di consegna e controllo di sicurezza tecnica ................................ 91
Indicazioni sul controllo di sicurezza tecnica (CST).................................. 92
12
Pezzi di ricambio ....................................................................... 95
11.2
4
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
1
Responsabilità civile del produttore e garanzia
1.1
Indicazioni generali
Siamo lieti che abbia deciso di acquistare un prodotto della nostra ditta. Questo prodotto è
certificato con marchio CE, ovvero è conforme ai requisiti fondamentali posti dalla normativa
CE in materia di dispositivi medici.
Informazioni relative al produttore:
Gebrüder Martin GmbH & Co. KG
Una società di KLS Martin Group
Ludwigstaler Straße 132 • D-78532 Tuttlingen / Germany
Postfach 60 • D-78501 Tuttlingen / Germany
Tel. +49 7461 706-0 • Fax +49 7461 706-193
[email protected] • www.klsmartin.com
1.2
Garanzia
Valgono le nostre condizioni generali di vendita vigenti. Gli accordi che si differenziano dalla
presente non limitano i diritti legali dell’acquirente.
Un’ulteriore garanzia necessita la forma contrattuale ed esclude gli atti di vandalismo sui
componenti, gli aggiornamenti del software e gli articoli di consumo quali lampade di ricambio
o impugnature sterilizzabili.
Avvertenze importanti
Le operazioni di riparazione del prodotto devono essere effettuate esclusivamente da parte
dell’azienda Gebrüder Martin oppure da parte di personale o di una ditta da noi espressamente
autorizzati.
Nel caso in cui la riparazione venga eseguita da parte di personale o di una ditta da noi
autorizzata, il gestore dell'apparecchio è tenuto a farsi consegnare dal personale di
manutenzione un'attestazione relativa al tipo e all'entità della riparazione effettuata. Il
certificato deve contenere la data di esecuzione della riparazione, nonché i dati relativi alla
ditta e la firma.
Qualora le operazioni di riparazione non vengano eseguite da parte del produttore, è inoltre
indispensabile che i prodotti sottoposti a riparazione vengano dotati del contrassegno della
ditta responsabile della riparazione.
Nel caso di interventi non idonei o di modifiche da parte di terzi durante il termine di
prescrizione cessa qualsiasi diritto di garanzia. Azioni non autorizzate sul prodotto comportano
la perdita del diritto di rivendicazione nei confronti dell’azienda Gebrüder Martin.
V 1.0
5
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
1.3
Verifica alla consegna in caso di fornitura di pezzi di ricambio
Al momento della ricezione della merce consigliamo di verificarne immediatamente l’integrità e
di assicurarsi che non abbia subito danni. Eventuali danni da trasporto devono essere
immediatamente segnalati.
Servizio di assistenza
In caso di domande tecniche e richiesta di pezzi di ricambio rivolgersi al nostro servizio di
assistenza.
Tel. +49 7461 706-343
Fax +49 7461 706-203
[email protected]
Il servizio di assistenza è operativo nei giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 17.00 (orario Europa
continentale).
Nel caso di domande in merito ai contratti di assistenza e ai corsi di formazione si prega di
contattare il servizio tecnico al numero +49 7461 706-332 o via e-mail all’indirizzo:
[email protected]
Nota!
6
Numero di serie
Per qualsiasi domanda di carattere tecnico i nostri esperti di servizio
necessitano il numero di serie della lampada. Prima di contattare il
nostro servizio di assistenza consigliamo di annotarsi il numero di
serie, che si trova sulla targhetta sul sistema cardanico
dell’apparecchio (vedi cap. 8).
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
2
Introduzione
2.1
Indicazioni per il tecnico di servizio
•
Al fine del mantenimento dello stand tecnologico delle lampade e dei dispositivi di
montaggio è essenziale che il personale tecnico di servizio esegua il proprio lavoro con
estrema precisione e competenza! Il presente manuale di servizio è di ausilio in questa
attività di responsabilità.
•
La partecipazione ad un corso di formazione per l’assistenza autorizza il tecnico ad eseguire
lavori di montaggio e assistenza ma non a fornire consulenza all’utente! Per questo la KLS
Martin offre speciali corsi di formazione specifici del prodotto.
V 1.0
7
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
2.2
Ulteriori documenti da osservare
Nel caso di molti interventi d’assistenza è necessario conoscere, oltre alle informazioni presenti
in questa documentazione, anche quelle contenute nelle istruzioni per il montaggio e in altri
manuali di servizio. Se ad esempio un’impostazione o il montaggio vengono descritti nelle
istruzioni per il montaggio di marLED® in questa documentazione non si tornerà più
sull’argomento.
2.2.1
Tavola sinottica della documentazione relativa ai prodotti marLED®,
surgiCamdigital® e medTFTpro®
Dove trovo che cosa?
Ulteriore documentazione
prodotto da osservare
Lampade
Lampade
marLED® per
marLED®
soffitto e parete mobili
Sistema di
medTFTpro®,
telecamere
bracci e
surgiCamdigital® monitor
e braccio di
sostegno
Istruzioni per il montaggio del
controsoffitto (CCS) e della piastra
di ancoraggio al soffitto (PAS)
X
X
X
Istruzioni per il montaggio di
marLux® / marLED®
X
X
X
Istruzioni per il montaggio dei
bracci TFT
Manuale di servizio marLED®
X
X
Solo corpo
della lampada
Manuale d’istruzioni, guida per il
montaggio, manuale di servizio di
surgiCamdigital®
Manuale d’istruzioni di marLED®
X
X
Manuale d’istruzioni, guida per il
montaggio, manuale di servizio di
marLED® mobile
Lista dei pezzi di ricambio (CD)
Nota!
8
X
X
X
X
X
X
X
I singoli documenti adatti al vostro relativo prodotto possono essere
richiesti alla Gebrüder Martin. A tale scopo necessitiamo il numero di
serie del prodotto in oggetto.
V 1.0
V 1.0
Opzionale
30-100%
Opzionale
Opzionale
Opzionale
30-100%
a5
poli
a9
poli
a5
poli
È possibile
rispettiv. solo
un’opzione per
lampada
Regolazione graduale
elettronica
Laser nell’imp.
centrale
Telecamera
nell’imp.
centrale
Comando a
parete bus CAN
variLux
Funzione
impugnatura
centrale
"sensoGrip”
Comando
Opzionale
Opzionale
sì
sì
Cablaggio
a5
poli
16 light engine
Spostamento campo
luminoso
marLED® V16
Spostamento campo
luminoso
10 light engine
a5
poli
marLED® V10
Funzioni pann.
comando corpo
della lampada
LED
Regolazione
luminosa opzionale
spostamento campo
luminoso opzionale
Tipo di lampada
Tecnica di
illuminazione
Regolazione luminosa
opzionale
spostamento campo
luminoso opzionale
2.3
a5
poli
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Tipi di lampade – comando e opzioni
Opzioni
9
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
2.4
Simboli utilizzati nel presente manuale di servizio
Nel presente manuale di servizio le informazioni importanti, quali note generali o rilevanti dal
punto di vista della sicurezza, sono contrassegnate dai seguenti simboli e termini di
segnalazione:
PERICOLO!
Pericolo di morte o di lesioni corporee gravi!
L’inosservanza di tale indicazione comporta il pericolo
immediato di morte o di lesioni corporee gravi!
AVVERTIMENTO! Pericolo di morte o di lesioni corporee gravi!
L’inosservanza di tale indicazione può comportare il pericolo
di morte o di lesioni corporee gravi!
CAUTELA!
Pericolo di lesioni corporee lievi o di danni
materiali!
L’inosservanza di tale indicazione comporta il rischio
limitato di lesioni corporee lievi o di danni materiali!
Nota!
10
Informazione particolare di richiamo o di segnalazione in base
alla nostra esperienza sul prodotto. Si tratta ad esempio di
consigli per realizzare un’azione in modo particolarmente
efficiente.
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
2.5
Simboli sul prodotto
Simbolo
Spiegazione
Marchio CE
Classe di protezione I ai sensi della normativa IEC 60601-1
Tipo di apparecchio B ai sensi della normativa IEC 60601-1
Attenersi alle istruzioni del manuale
Avvertimento relativo a superficie calda
Avvertimento relativo a tensione elettrica
Avvertimento relativo a radiazione laser
2.6
Definizioni e abbreviazioni
backLite ®
Regolazione luminosità 2-29%
Sistema cardanico
Giunto cardanico sulla staffa della lampada
-
sistema comple
tamente cardanico
Doppia staffa della lampada con giunto cardanico, rotabile su tre assi
-
sistema cardanico
LC
Sistema cardanico Low Ceiling: staffa della lampada semplificata,
rotabile su due assi, per l’utilizzo in ambienti a soffitto basso
Light engine
(unità di luce)
Unità di illuminazione LED con 16 singoli LED
Power Module
Alimentatore switching su lastra di montaggio esterna
®
sensoGrip
Impugnatura multifunzionale
®
sensoTouch
digital®
Pannello di comando con display come indicazione di stato
surgiCam
Sistema di telecamere
CST
Controllo di sicurezza tecnica
AS
Alimentazione elettrica di sicurezza (in rete)
®
variLUX
Forma convertibile del campo luminoso
ASS
Alimentazione elettrica di sicurezza supplementare (a batterie)
V 1.0
11
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
3
Norme di sicurezza
3.1
Indicazioni generali
Le lampade scialitiche KLS Martin sono prodotti di qualità costruiti attenendosi a norme
tecniche riconosciute. Al momento di lasciare lo stabilimento di produzione, le lampade si
trovano in perfette condizioni tecniche di sicurezza.
Per tutelare la propria sicurezza
•
Leggere le seguenti indicazioni di sicurezza relative a lavori di servizio, compreso il
montaggio dei sistemi di illuminazione.
•
Attenersi – ai fini della sicurezza personale – alle istruzioni riportate!
•
Durante i lavori di montaggio osservare anche le norme di sicurezza dei capitoli sulle
istruzioni di montaggio!
•
Le parti dei sistemi di illuminazione possono essere utilizzate unicamente per lo scopo
previsto dal tipo di costruzione, ovvero per il montaggio delle lampade scialitiche!
•
Le lampade scialitiche possono essere azionate unicamente in ambienti utilizzati a scopo
medico, la cui installazione elettrica soddisfi i requisiti vigenti (norma DIN VDE 0100 parte
710 per la Germania, ovvero le normative nazionali corrispondenti del paese di utilizzo
delle lampade)!
Servizio di assistenza
•
•
Il servizio di assistenza può essere eseguito solo:
-
da personale qualificato, autorizzato dall’azienda Gebrüder Martin
-
conformemente alle descrizioni del presente manuale
-
in modo competente e corretto, con la massima precisione
-
attenendosi alle disposizioni tecniche ed alle normative vigenti in materia di sicurezza e
di prevenzione degli infortuni
È necessario procedere alla verifica dell’integrità dei pezzi di assemblaggio immediatamente
dopo il ricevimento della merce, per escludere eventuali difetti e danni da trasporto.
Controllo di sicurezza tecnica e verbale di consegna
•
Verificare durante il montaggio tutti i pezzi rilevanti ai fini della sicurezza, come previsto
dal controllo di sicurezza tecnica (CST).
•
Documentare i dati relativi al controllo sul verbale di consegna.
Le indicazioni di verifica relative al controllo di sicurezza tecnica ed il verbale di consegna si
trovano al cap. 11.
Manutenzione
Consigliamo di verificare ad intervalli regolari l’integrità di funzionamento di tutte le funzioni
delle lampade, dei bracci elastici, dei bracci principali, del tubo a soffitto e dell’unità di
approvvigionamento elettrico.
Ogni 24 mesi è obbligatoria l’esecuzione del controllo di sicurezza (CST) ad opera di una
persona autorizzata. La descrizione ed il relativo verbale di controllo si trovano nel capitolo 11.
12
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
PERICOLO!
PERICOLO!
Pericolo di folgorazione in seguito a scossa elettrica!
•
Il personale tecnico è autorizzato a rimuovere le coperture
protettive per effettuare verifiche nei punti di misurazione
sotto tensione, per la ricerca di eventuali guasti. Durante
queste operazioni va assolutamente evitato il contatto con
le parti conduttrici di tensione elettrica!
- All’interno del corpo della lampada possono verificarsi
tensioni fino a 100 V
- A seconda del modello usato sono presenti tensioni fino
a 240 VAC nell’area del Power Module, nonché nei bracci
TFT, fino al monitor.
- Dal Power Module, attraverso il sistema dei bracci, fino
allo strumento d’illuminazione sono presenti tensioni
fino a 40 VDC.
•
Durante lo smontaggio e l’installazione assicurarsi che i
componenti siano a potenziale zero e non vengano messi
sotto tensione da terze persone! Questo a protezione del
personale tecnico, oltre che del prodotto stesso.
Nell’installazione dell’edificio occorre prevedere una
separazione (p. es. un interruttore magnetotermico secondo
la normativa DIN VDE 0100 parte 710, IEC 60364-7-710),
per interrompere contemporaneamente in modo onnipolare
i circuiti elettrici delle lampade (alimentazione in rete
115/230 V ovvero alimentazione a corrente continua da 24
V) dalla rete di alimentazione. A tale scopo occorre
utilizzare un interruttore conforme alla norma lEC 328 (VDE
0630) sulla distanza di dispersione e di isolamento in aria,
ovvero elencato nella lista UL.
•
L’alimentazione a corrente continua della lampada deve
soddisfare i requisiti in materia di bassa tensione di
protezione (PELV) conformemente alla normativa EN
61558-2-6.
•
Prima di qualsiasi lavoro sulla lampada o sul gruppo di
lampade staccare l’interruttore magnetotermico dell’edificio!
•
Non toccare mai il vano ottico della lampada (a fuoco
rimosso)!
•
Assicurarsi che i fili di collegamento elettrico non si
stacchino o non si rompano accidentalmente.
Pericolo di morte in seguito a lampade danneggiate!
•
•
V 1.0
Le lampade danneggiate possono rappresentare un
pericolo per la vita o per la salute dell‘utente e/o del
paziente!
Evitare pertanto la messa in funzione di lampade
danneggiate!
13
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
AVVERTIMENTO!
Pericolo di lesione corporea in seguito ad irraggiamento
termico!
Le lampade sono munite di sistemi filtro, per impedire che
l’irraggiamento termico della lampada raggiunga il campo
operatorio. Non è consentita la messa in funzione delle
lampade senza tali filtri. I vetri filtranti difettosi devono essere
sostituiti immediatamente.
AVVERTIMENTO!
Pericolo di lesione o di danneggiamento dovuto a peso
elevato!
I componenti della lampada o del gruppo di lampade sono
molto pesanti! Parti della lampada e del sistema di
sospensione possono crollare, causando lesioni a persone e/o
danni materiali.
Durante il montaggio sostenere le parti con un dispositivo di
sollevamento e non procedere mai da soli al montaggio, bensì
ricorrere all’aiuto di un assistente!
AVVERTIMENTO!
Pericolo di lesione o di danneggiamento dovuto a forze
elastiche elevate!
I componenti della lampada o del gruppo di lampade sono
molto pesanti!
I bracci elastici privati del peso (corpo della lampada o gruppi
modulari del corpo della lampada) o della protezione per il
trasporto possono provocare rapidamente ferite gravi per la
forza elevata e l’alta velocità di movimento verso l’alto!
Prima di togliere un peso da un braccio elastico occorre
sempre fissare quest’ultimo in basso!
AVVERTIMENTO!
Pericolo di lesione o di danneggiamento dovuto a
strumenti insufficienti o inadeguati!
Verificare che gli strumenti di montaggio e di servizio quali
scale, impalcature di montaggio e strutture per sollevamento
siano conformi agli standard vigenti in materia di sicurezza!
14
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
3.2
Opzione "laser pilota"
Norme vigenti ed istruzioni per l’uso
Il laser pilota incorporato (opzionale) è conforme alla norma DIN VDE 0837 (corrisponde a
EN 60825 e lEC 60825) della classe laser 2. Queste norme, così come la normativa
antinfortunistica dell’Istituto di Assicurazione contro gli Infortuni sul lavoro tedesco (VBG 93)
devono essere rispettate al momento di usare il laser.
Nota relativa alla normativa antinfortunistica (VBG 93):
Le radiazioni laser non sono pericolose per persone non anestetizzate per via del riflesso di
chiusura palpebrale.
CAUTELA! Pericolo di lesione!
Il personale tecnico non è autorizzato a puntare su terzi una lampada
scialitica o un raggio pilota! Tale uso è riservato all’utente.
Ai fini dell’autoprotezione, il personale tecnico deve evitare di rivolgere
direttamente lo sguardo su un dispositivo di illuminazione o su un
raggio pilota.
CAUTELA! Radiazioni laser!
I segnali di avvertenza sono applicati sull'impugnatura sterilizzabile e
vicino al pannello di comando. Il punto di fuoriuscita del raggio laser si
trova sull'impugnatura centrale.
Nota!
V 1.0
Per ulteriori informazioni sul laser pilota rinviamo al manuale
d’istruzioni "Lampade scialitiche KLS Martin marLED® V10 / V16".
15
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
4
Schemi elettrici
Negli schemi elettrici che seguono, per rappresentare i colori del circuito si utilizza il codice
internazionale di designazione dei colori secondo i parametri della normativa IEC 757:
Codice
Colore (inglese)
Colore (italiano)
BK
Black
nero
BU
Blue
blu
BN
Brown
marrone
GD
Gold
dorato
GN
Green
verde
GNYE
Green-Yellow
verde-giallo
GY
Grey
grigio
OG
Orange
arancione
PK
Pink
rosa
RD
Red
rosso
SR
Silver
argentato
TQ
Turquoise
turchese
VT
Violet
viola
WH
White
bianco
YE
Yellow
giallo
16
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Blocco di contatto di lampada con pannello di comando a parete e backLite con
allacciamento a spina girevole a 5 poli
1, 2
PE (GNYE)
3, 4
+VDC (RD)
4
+backLite (WH)
5, 6
-VDC (BU)
6
-backLite (BN)
7
CAN+ (WH)
8
CAN– (BN)
9, 10 liberi
Blocco di contatto lampada con pannello di comando a parete e telecamera o TFT con
allacciamento a spina girevole a 9 poli
V 1.0
1, 2
PE (GNYE)
3
+VDC (RD)
4
-VDC (BU)
5
CAN+ (WH)
6
CAN– (BN)
7
Schermo video Y
8
Segnale video Y (WH)
9
Schermo video C
10
Segnale video C (BN)
17
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
4.1
Schemi elettrici del corpo della lampada
4.1.1
Schema di cablaggio corpi delle lampade marLED® V10 / V16
Fig. 4-1
Schema di cablaggio V10 (a sinistra) e V16 (a destra), con le lampade viste dal basso
1 Marcature a destra/sinistra
3 dal pannello di comando
2 collegamento del gruppo
dell’impugnatura
4 Alimentazione principale
5 collegamento scheda
intermedia
I light engine (unità di luce) delle lampade marLED® sono collegati all’elettronica di comando in
due gruppi alimentati in modo indipendente l’uno dall’altro (Master M e Slave S, vedi
immagine).
La corretta polarità è il presupposto per il funzionamento dei light engine. Nel cablaggio in base
allo schema occorre pertanto fare attenzione che i light engine siano tutti orientati nello stesso
modo (dicitura "Bottom/Anode" in alto a sinistra, vedi "B" nell’immagine)! Nella lampada V16
le parti laterali devono essere montate in modo tale che le marcature (L=sinistra e R=destra
nell’immagine) siano affiancate. Come ulteriore indicazione, nella lampada V16 vengono
contrassegnate ex fabbrica in blu o in rosso le prese e le spine indicate nell’immagine con "BL"
o "RT".
18
Colore
cavo
Lunghezza
Quantità
(V10)
Quantità
(V16)
BN
100 mm
4
4
WH
250 mm
6
10
YE
470 mm
0
2
GN
600 mm
2
2
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
4.1.2
Alimentazione dei light engine (unità di luce)
Fig. 4-2
Alimentazione dei light engine (unità di luce) – Orientamento con l’anodo a sinistra, come
nello schema di cablaggio
I light engine sono collegati in due gruppi (M, S) all’elettronica di comando (confr. con 4.1.1).
Un gruppo è costituito da 5 (V10) ovvero 8 (V16) light engine illuminati uno dopo l’altro.
V 1.0
19
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Fig. 4-3
Cablaggio del LED dei light engine (unità di luce) – Orientamento con l’anodo a sinistra,
come nello schema di cablaggio
Ogni light engine viene alimentato a corrente elettrica tramite 8 "canali" paralleli. Il nono
canale ha rispettivamente un cablaggio NTC, riservato per future applicazioni.
I canali da 1 a 4 alimentano rispettivamente 3 LED bianchi (WH1..WH4) cablati uno dopo
l’altro, mentre i canali da 5 a 8 alimentano rispettivamente un LED rosso (RD1..RD4).
I canali bianchi di un gruppo vengono controllati tramite processori separati (M: Master, S:
Slave). I canali rossi di entrambi i gruppi, accesi l’uno dopo l’altro, vengono controllati dallo
Slave. Qualora un LED bianco sia spento, si spegne pertanto il canale corrispondente del
gruppo (M o S). Qualora un LED rosso sia spento, si spegne pertanto il canale rosso
corrispondente di tutti i light engine!
20
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Schema elettrico impugnatura con surgiCamdigital®
4.2
Collegamento nel sensoGrip con il gruppo filtro ottico
A
Cavo di collegamento con X3
B
sensoGrip (modulo impugnatura)
1
Presa D-Sub a 25 poli
2
Spina D-Sub a 25 poli
7
Collegamento per telecamera
3
Pulsanti (contatti di riposo)
4
Laser (possibile solo senza telecamera)
5
Anello collettore
6
Impugnatura telecamera
X3 Collegamento impugnatura a elettronica di
comando
Tramite spina D-Sub
V 1.0
21
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
4.3
Schemi elettrici dei bracci snodabili
4.3.1
Schema elettrico per braccio snodabile a 5 poli con pannello di comando a
parete e opzione backLite
Tubo a soffitto < 400 mm -> presa DIN (7) saldata direttamente al cavo
Tubo a soffitto > 400 mm -> presa DIN (7) saldata direttamente al cavo e cavo di prolunga a 5 poli per
spina/presa
Nel caso di gruppi di lampade tutti i cavi di collegamento CAN (CAN+ bianco, CAN- marrone) vengono
saldati parallelamente alla presa DIN (7).
A
Braccio snodabile
B
Braccio elastico
1
Spina di collegamento al tubo a soffitto
4
Presa di collegamento al braccio snodabile
2
Anello collettore
5
Presa di collegamento al corpo della lampada
3
Spina
6
Opzione di collegamento backLite
7
Presa a 5 poli (DIN 41524, lato saldato)
Nota!
Nel caso di sistemi di luci osservare i diversi codici cromatici dei
connettori.
Braccio 1:
rosso
Braccio 3:
blu
Braccio 2:
giallo
Braccio 4:
verde
22
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
4.3.2
Schema elettrico per braccio snodabile a 9 poli con pannello di comando a
parete e telecamera opzionale
A
Braccio snodabile
B
Braccio elastico
1
Spina di collegamento al tubo a soffitto
4
Presa di collegamento al braccio snodabile
2
Anello collettore
5
Presa di collegamento al corpo della lampada
3
Spina
6
Opzione di collegamento backLite
7
Presa a 5 poli (DIN 41524, lato saldato)
8
Presa a 8 poli (DIN 45326, lato saldato)
Tubo a soffitto < 400 mm -> presa DIN (7) saldata direttamente al cavo
Tubo a soffitto > 400 mm -> presa DIN (7) saldata direttamente al cavo e cavo di prolunga a 5 poli per
spina/presa. Nel caso di gruppi di lampade tutti i cavi di collegamento CAN (CAN+ bianco, CAN- marrone)
vengono saldati parallelamente alla presa DIN (7)
Nota!
Nel caso di sistemi di luci osservare i diversi codici cromatici dei
connettori.
Braccio 1:
rosso
Braccio 3:
blu
Braccio 2:
giallo
Braccio 4:
verde
V 1.0
23
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
4.4
Schemi elettrici del tubo a soffitto
4.4.1
Schema elettrico del tubo a soffitto con un massimo di 27 VAC/26-36 VDC
con commutazione ASS
1
Morsetti
4
Display a LED del baldacchino (opzionale)
LED 1 = verde
LED 2 = rosso
2
Rettificazione
5
Blocco morsetti o connettore con codice cromatico per la
lampada scialitica
Lampada 1: rosso
Lampada 2: giallo
Lampada 3: blu
Lampada 4: verde
3
Commutatore
6
Contatto relé senza tensione di max. 1 A per il LED di
controllo rete/alimentazione a batteria
Nel caso di gruppi di lampade il collegamento a corrente alternata è ponticellato alla morsettiera!
Collegamento con i morsetti (1) per le
lampade 1-3:
Valori dei fusibili marLED®:
Morsetto
a
b
c
Lampada
1
Lampada
2
Lampada
3
Valore
Lampada 1
1
2
43 44 37 38
F4
F6
F8
10 A
Lampada 2
3
4
45 46 39 40
F5
F7
F9
10 A
Lampada 3
5
6
47 48 41 42
24
d
e
f
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
4.4.2
Schema elettrico del tubo a soffitto con Power Module da 85–240 VAC
senza commutazione ASS a partire dalla versione HW 05
Il Power Module è fissato isolatamente e PE non deve essere collegato.
1
Morsetti
3
Power Module
2
Avvolgere il nucleo di ferrite con due tiranti
4
Collegamento della lampada
Nel caso di gruppi di lampade L1 e N sono ponticellati alla morsettiera!
F11/F12/F13 per le forniture in Italia e negli Stati Uniti.
Collegamento con i morsetti (1) per le lampade 1-3:
Morsetto
a
b
Lampada 1
7
8
Lampada 2
9
10
Lampada 3
11
12
Valori dei fusibili:
Lampada 1 Lampada 2 Lampada 3
F1 / F 11
V 1.0
F2 / F 12
F3 / F13
Valore
10 A
25
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
4.4.3
Schema elettrico del tubo a soffitto marLED® con Power Module da 85240 VAC con commutazione ASS e dispositivo di riconoscimento
interruzione energia elettrica
Il Power Module è fissato isolatamente e PE non deve essere collegato.
S1 resta aperto (dispositivo di riconoscimento interruzione energia elettrica attivo).
1
Morsetti
5
Blocco morsetti o connettore con codice cromatico
per la lampada scialitica
Lampada 1: rosso
Lampada 2: giallo
Lampada 3: blu
Lampada 4: verde
2
Avvolgere il nucleo di ferrite con due
tiranti
6
Contatto relé senza tensione di max. 1 A per il LED
di controllo rete/alimentazione a batteria
3
Power Module fissato isolatamente
7
Commutazione con dispositivo di riconoscimento
interruzione di corrente
4
Display a LED del baldacchino
(opzionale)
LED 1 = verde; LED 2 = rosso
Nel caso di gruppi di lampade L1 e N sono ponticellati alla morsettiera!
F11/F12/F13 per le forniture in Italia e negli Stati Uniti.
26
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Collegamento con i morsetti (1) per le
lampade 1-3
Valori dei fusibili
Morsetto
a
b
c
d
e
f
Lampada 1
Lampada 2 Lampada 3 Valore
Lampada 1
7
8 43
44
37
38
F1 / F 11
F2 / F 12
F3 / F13
10 A
Lampada 2
9
10 45
46
39
40
F4
F7
F9
10 A
Lampada 3
11
12 47
48
41
42
F5
F7
F9
10 A
Nel caso di gruppi di lampade L1 e N sono ponticellati alla morsettiera!
F11/F12/F13 per le forniture in Italia e negli Stati Uniti.
V 1.0
27
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
4.5
RS232 tramite l’interfaccia COM
1 Sistema del braccio
con lampada/e
2 Bus CAN
3 Connettore RS232
4 Cavo RS232 di 2 m
5 Interfaccia COM
6 Collegamento RS232
Fig. 4-4
Schema di cablaggio dell’interfaccia COM sulla barra di protezione
Nota!
Tutte le lampade devono essere cablate a 5 poli.
L’interfaccia COM con RS232 ha solo la funzione di interfaccia e può
essere montato con una staffa di fissaggio alla barra di protezione del
tubo a soffitto o esternamente.
1 Sistema del braccio
con lampada/e
2 Bus CAN
3 Connettore RS232
4 Cavo RS232 di 2 m
5 Pannello di comando a
parete
con interfaccia COM
6 Collegamento RS232
Fig. 4-5
Schema di cablaggio dell’interfaccia COM sul pannello di comando a parete
Assegnamento RS232
Collegamento RS232
28
Dicitura
Segnale
Colore
Pin
R
Rx
WH
2
T
Tx
BN
3
G
GND
GN
5
Connettore RS232
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
4.6
Misurazione della tensione tramite il connettore di servizio
Per la misurazione della tensione è necessario un connettore di servizio. Con questo connettore
vengono cavallottate a ponte alcune funzioni, anche relative alla sicurezza, come l’arresto della
tensione in caso di rimozione del sensoGrip, in modo da poter misurare la tensione.
Fig. 4-6
Numero d’ordine del connettore di servizio ed immagine laterale
Presa D-Sub a 25 poli del Collegamento con ponte
gruppo filtro ottico
sul connettore di servizio
1 Tasti
Fig. 4-7
V 1.0
Collegamento con il connettore di servizio
29
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
5
Ricerca guasti
5.1
Esempi di guasti con indicazione delle possibili cause e dei
rimedi
5.1.1
Non è possibile alcun comando (ad es. luminosità) dal pannello di comando
a parete
Rimedio:
•
Disconnettere la lampada dalla corrente (reset).
•
Aggiornamento del software del pannello di comando a parete/dell’elettronica di controllo,
ovvero sostituzione del pannello di comando e dell’elettronica di controllo.
5.1.2
Impossibile accendere la lampada
Causa:
Nel corso della prima installazione: la polarità della tensione di alimentazione è invertita.
Rimedio:
•
Collegare correttamente la polarità della tensione di alimentazione.
5.1.3
La lampada si accende e si spegne continuamente
Causa:
Presumibilmente la lampada scialitica è alimentata con corrente alternata.
Rimedio:
•
Inserimento di un rettificatore a ponte con condensatore
Nota: La tensione AC deve essere < 27 volt.
5.1.4
I display nel pannello di comando sono scuri nonostante la presenza di
tensione e non si riesce ad accendere la lampada.
Causa:
L’impugnatura centrale per la messa a fuoco non è inserita completamente.
Rimedio:
•
Inserire l’impugnatura per la messa a fuoco.
•
Sostituzione del microinterruttore guasto nell’impugnatura per la messa a fuoco.
30
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
5.1.5
Nessuna funzione al pannello di comando alla parete
Causa:
L’alimentazione del pannello di comando a parete proviene dalla lampada principale. Se questa
viene disconnessa dalla corrente i pannelli di comando si spengono.
Rimedio:
•
Installazione di un interruttore centrale per tutte le lampade.
5.1.6
La lampada è spenta, ma continua ad emettere una luce fioca (V10)
Causa:
La tensione di alimentazione della lampada è presente anche quando la lampada è spenta.
Qualora la tensione sia superiore a 30 V, è possibile che la lampada emetta una debole
luminescenza anche da spenta.
Rimedio:
•
Installazione di un interruttore centrale per tutte le lampade.
V 1.0
31
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
5.2
Segnalazione errori sul display
5.2.1
Messaggi di errore con descrizione
I messaggi di errore sul display iniziano sempre con la lettera E.
Gli altri tre caratteri vanno letti in modo esadecimale (0, 1, ..., 9, A, ..., F). Nel farlo, occorre
tenere presente che i codici di errore vengono emessi con un messaggio costituito da un
segmento a 7:
Emissione
segmento a 7
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
A
B
C
d
E
F
Corrispondente al
carattere
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
A
B
C
D
E
F
Valore esadecimale
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
Secondo
carattere
Fonte
0..3
Canale bianco (A)
4..7
Canale bianco ()
8,9,A,B
Canale rosso
(gruppi A e B)
C
Errore globale sul
Master DSP
E
Errore globale sullo
Slave DSP
Terzo e quarto
carattere
Descrizione
01
La corrente circola anche se disconnessa;
può accadere in caso di cortocircuito di vari
LED bianchi
02
"open circuit" (circuito aperto): La corrente
non riesce a circolare; può accadere in caso
di falso contatto o di LED difettosi lungo la
linea di alimentazione.
04
"overcurrent" (corrente in eccesso):
corrente troppo elevata, eventuale corto
circuito
08
"overvoltage" (tensione in eccesso): la
tensione in uscita ha raggiunto un livello
troppo elevato.
Ogni bit conta:
0x01
La CPU è stata azzerata tramite WD
0x02
Software resettato a causa di errore fatale
0x04
Errore in FLASH CRC
0x08
Errore nel test RAM
0x10
Non sono stati utilizzati dati EEPROM o
preimpostazioni (il numero di serie, ecc.
sono andati persi)
0x20
EEPROM resettata alle preimpostazioni
(numero di serie, ecc. mantenuti)
0x40
EEPROM: Errore durante la scrittura dei
parametri
D
Errore globale sul
Master DSP
0x01
Tensione di alimentazione a 24 V troppo
bassa
F
Errore globale sullo
Slave DSP
0x02
Non sono stati ricevuti dati troppo a lungo
(errore di comunicazione CAN)
Manca il sensoGrip
0x04
32
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Esempi
Fig. 5-1
Display del sensoTouch con messaggio di errore
Eb02:
EE02:
ED02:
E804:
E308:
EF03:
Canale rosso 4 (B): 02="open circuit"
V 1.0
Errore su Slave DSP (gruppo 1) n.° 2 (reset software a causa di errore fatale)
Errore su Master DSP (gruppo 2) n.° 2 (errore di comunicazione CAN)
Errore canale rosso n.° 1 (Codice di errore "overcurrent" (corrente in eccesso))
Errore canale bianco n.° 4 (Codice di errore "overvoltage" (tensione in eccesso))
Errore su Slave DSP (gruppo 2) 0x01 (alimentazione a 24 V ) +
0x02 (errore di comunicazione CAN)
33
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
5.2.2
Localizzazione del light engine difettoso
In caso di segnalazione di errore relativa ad un canale rosso o bianco, tutti i LED alimentati dal
canale in oggetto sono spenti. Per la ricerca del guasto procedere come segue:
identificare il canale in base alla segnalazione di errore (Eb02 -> canale rosso 4)
Trovare il Pin assegnato ad anodo e catodo (vedi 4.1.2): RD4 = Pin 8.
•
Selezionare la gamma di misurazione del tester su Volt.
•
Spegnere la lampada dal pannello di comando.
Fig. 5-2
Puntali di misura sul light engine, a destra in primo piano
•
Inserire i puntali di misura nei pin corretti dell'anodo e del catodo dell’elettronica di
comando (vedi immagine sopra, in cui i puntali sono inseriti nel pin 9 (NTC); nell’esempio
viene utilizzato il pin 8)
•
Accendere la lampada dal pannello di comando.
- Adesso dovrebbe essere riconoscibile, almeno per un breve intervallo di tempo, la
presenza di tensione (rosso: 13 V, bianco: brevemente fino a 40 V, poi tensione di
alimentazione). In caso contrario è l’elettronica di comando stessa ad essere difettosa e
deve essere sostituita.
•
Spegnere la lampada dal pannello di comando.
•
Selezionare la gamma di misurazione della corrente sullo strumento di misurazione.
•
Inserire i puntali di misura nei pin corretti dell'anodo e del catodo del primo light engine
(vedi immagine).
•
Accendere la lampada dal pannello di comando.
- Qualora sia accesa solo la linea di alimentazione difettosa, significa che è stato
individuato il light engine guasto, che deve essere sostituito.
- In caso contrario, continuare la misurazione con il prossimo light engine, fino ad
individuare il light engine difettoso.
34
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
5.2.3
Segnalazione di errore sul pannello di comando a parete
Le segnalazioni di errore visualizzate sul pannello di comando a parete si riferiscono sempre
all’interfaccia COM ivi incorporata (vedi 7.3.2). Accendendo la lampada 1, si accende anche il
pannello di comando a parete, che indica la versione software (ad es. 0208). Poiché al pannello
di comando a parete possono essere assegnate più lampade, qui non viene indicata la durata
utile della lampada, che può essere rilevata direttamente sul pannello di comando della
lampada stessa.
La segnalazione di errore del pannello di comando a parete ha sempre il formato E-50, in cui
50 può indicare uno dei numeri elencati nella tabella sottostante.
N.°
Significato (ingl.)
Azione/rimedio
01
02
general error (errore generale)
Si tratta di un errore interno di software.
illegal case state in graph (condizione illegale
della grafica)
Se è già stato caricato il software attuale, sostituire la
scheda,
03
illegal action state in graph (azione illegale
della grafica)
altrimenti caricare prima il software attuale e verificare se in
questo modo la funzione è ripristinata.
04
a function has received a null pointer where not
applicable (una funzione ha ricevuto un
indicatore nullo in un punto non applicabile)
0A
Ticker tasks overflow (task execution too slow)
(flusso in eccesso di compiti di azione,
esecuzione compiti troppo lenta)
0B
Slow Ticker tasks overflow (tasks too slow)
(lento flusso in eccesso di compiti di azione,
compiti troppo lenti)
1E
Executed-Flag was not reset at entry of Graph
(Non è stata resettata la bandierina di
esecuzione all’ingresso della parentesi)
1F
Executed-flag was not TRUE after call of
modules in 1 ms context (la bandierina di
esecuzione non era VERA dopo il richiamo di
moduli nel contesto 1 ms)
20
Executed-flag was not TRUE after call of
modules in 10 ms context (la bandierina di
esecuzione non era VERA dopo il richiamo di
moduli nel contesto 1 ms)
51
14
flash fail (errore di lampeggiamento)
15
EEPROM write timeout (Timeout di scrittura
EEPROM)
16
EEPROM verify error (Errore di verifica
EEPROM)
17
wrong EEPROM checksum (Somma errata di
controllo EEPROM)
50
external watchdog fail (Errore sistema esterno
di vigilanza)
V 1.0
no I2C ACK from EEPROM (nessun I2C ACK
da EEPROM)
Questi errori indicano un guasto dell’EEPROM:
sostituire la scheda.
Verificare: Il ponticello è inserito a X3 della scheda?
In caso affermativo: sostituire la scheda.
35
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
7A
OR1 attiva troppo rapidamente ON/OFF del
commutatore
Questo errore si verifica quando, tramite l’interfaccia OR1,
l’accensione e lo spegnimento avvengono troppo
rapidamente (p.es. pressione erronea permanente ovvero il
fatto che "rimanga bloccato" il tasto ON/OFF). In questo
caso l’interfaccia OR1 viene separata dal software, per
evitare questo comportamento erroneo.
Occorre poi "cercare" l’errore sull’interfaccia OR1 e non sul
pannello di comando a parete (di marLED® Com). L’errore
può verificarsi solo in presenza del collegamento con
l’interfaccia RS232. Pertanto il cablaggio con RS232 è a
posto, se ciò si verifica.
7B
Collegamento con OR1 interrotto
Verificare se il cablaggio di RS232 è in ordine.
36
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
6
Sostituzione di componenti
6.1
Tavola sinottica del corpo della lampada
1 Light engine
2 Parete posteriore
parte laterale
3 Parete posteriore
4 Sistema cardanico
5 Pannello di comando
sensoTouch
6 Parte laterale
alloggiamento
7 Parte centrale
alloggiamento
8 sensoGrip
V 1.0
37
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
6.2
Rimozione della parete posteriore
Avvertimento!
Rischio di rimbalzo del braccio elastico!
Il braccio elastico scatta verso l’alto se si rimuove il corpo della
lampada senza mettere la sicura!
Prima di smontare il corpo della lampada o parti di esso, occorre
regolare innanzi tutto l’arresto in altezza del braccio elastico
immobilizzandolo in posizione orizzontale!
Nota!
Durante l’esecuzione dei lavori sul corpo aperto della lampada,
assicurarsi che l’ambiente sia pulito e privo di polvere.
1 sensoGrip
2 Lampada V10
Fig. 6-1
Smontaggio del sensoGrip (3 chiusure rapide)
•
Aprire le chiusure rapide del sensoGrip (1)
•
Rimuovere il sensoGrip
1 6 viti ad esagono incassato M4x12
2 Anello adattatore
Fig. 6-2
Svitamento dell’anello adattatore
•
Svitare le viti (1)
•
Rimuovere l’anello adattatore
38
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Viti a partire dalla versione HW02 (per
versioni precedenti si rinvia al cap.9.2)
1 Viti a testa svasata Spax-S Torx 3,5x20
SW X15
V10: 16
V16: 24
2 Viti a testa svasata Torx M4x20
SW X10
solo V16: 4
Fig. 6-3
•
Svitamento della parete posteriore
Svitare tutte le viti di fissaggio (1, 2) della parete posteriore
1 Asse cardanica della lampada
2 Parete posteriore
Fig. 6-4
•
Rimozione della parete posteriore
Ribaltare la parete posteriore in direzione del lato destro verso l’asse cardanico della
lampada, facendo attenzione ai cavi di alimentazione.
1 Parete posteriore con i light engine
2 Vetro intermedio con morsetti di sostegno
3 Parte intermedia
Fig. 6-5
Ribaltamento e appoggio della parete posteriore
La parete posteriore può essere appoggiata solo accanto alla parte intermedia.
V 1.0
39
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
6.3
Utilizzare gli estrattori per i connettori per cavi
Cautela!
Evitare il danneggiamento dei cavi!
Staccare i collegamenti solo dal corpo della spina! Evitare di tirare i
cavi, in quanto potrebbero spezzarsi!
Utilizzare un estrattore universale (codice art. 08-670-50-04) adatto
alla misura del connettore.
Fig. 6-6
Estrattore universale (a sinistra), per i light engine (a destra)
6.4
Sostituzione dei light engine
Per la sostituzione di un light engine occorre utilizzare un’unita di luce dello stesso tipo, al fine
di evitare anomalie di colore! A partire dalla versione HW 01, il tipo di light engine può essere
individuato dal numero di serie (vedi 3.1) Nella versione HW00, durante il controllo finale di
una lampada marLED, il tipo di light engine (Bin1 = tipo A, Bin2 = tipo B, ...) è stato annotato
sotto la calotta cardanica. In questo punto è quindi possibile leggere il tipo di light engine in
modo semplice e sicuro. A partire dalla versione HW 02 non è più riportato il contrassegno "Bin
1, 2 o 3" sotto la maschera di rivestimento. Invece di ricorrere a questo sistema, i tipi di light
engine "A, B o C" vengono integrati direttamente nel numero di serie (vedi 8.1) della targhetta
di immatricolazione (p.es. mV16A0Dxxxx per una lampada V16 con tipo di light engine A).
1 Anno di fabbricazione e numero
(confronta con 8.1)
2 Tipo di light engine (qui: Bin1 = tipo A)
Fig. 6-7
40
Dati relativi al tipo di light engine sotto al rivestimento cardanico (fino alla versione HW 00)
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
1 light engine
2
3
4
5
Fig. 6-8
2 connettori
Adesivo del tipo "BIN2"
4 viti M3x8
Vite M3x8 con rondella elastica,
rondella e manicotto di fissaggio
Svitamento del light engine
•
Staccare entrambi i connettori con l'estrattore (vedi 6.3) e prendere nota della posizione.
•
Svitare le 4 viti M3x8
•
Rimuovere il light engine
•
Preparare il nuovo light engine
Nota!
Tutti i light engine di una lampada devono essere dello stesso tipo
(vedi adesivo "BINx" sulla parte superiore della scheda (x=1, 2, ..))!
Sostituzione dell’ottica del light engine
1 Ottica del light engine
2 4 Rullini distanziatori
3 4 viti Ejot Delta PT 30x28
Fig. 6-9
Svitamento dell’ottica del light engine
•
Rimuovere le viti di fissaggio (3) estraendo i rullini distanziatori (2).
•
Rimuovere l’ottica (1).
Il montaggio avviene nella sequenza inversa:
•
Avvitare l’ottica al nuovo light engine (pezzo di ricambio).
V 1.0
41
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
1 Piastra di raffreddamento
Fig. 6-10
Piastra di raffreddamento del light engine
•
Applicare la pasta di protezione termica sulla piastra di raffreddamento (1) del light engine.
•
Riavvitare il light engine (confronta con 6.4)
•
Ricollegare i connettori nella sequenza annotata.
42
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
6.5
Sostituzione dell’elettronica di controllo
Per sostituire l’elettronica di controllo occorre innanzitutto aprire la parete posteriore
(vedi 6.2).
Avvertimento!
Rischio di rimbalzo del braccio elastico!
Il braccio elastico scatta verso l’alto se si rimuove il corpo della
lampada senza mettere la sicura!
Quindi, prima di smontare parti del corpo della lampada, occorre
bloccare innanzi tutto il braccio elastico immobilizzandolo in basso!
1 Light engine da rimuovere
Fig. 6-11
•
Svitamento di quattro light engine
Rimuovere quattro (vedi pos. 1) light engine (vedi 6.4).
1 Anello di supporto
2 4 viti ad esagono incassato
3 Connettore X3
Fig. 6-12
Svitamento dell’anello di supporto
•
Sviatare le viti di fissaggio (2) dell’anello di supporto (1).
•
Rimuovere il connettore X3 (3) servendosi dell’estrattore (vedi 6.3).
•
Rimuovere l’anello di supporto (1).
V 1.0
43
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
1 6 viti di fissaggio esagonali
2 4 distanziatori esagonali
Fig. 6-13
Svitamento dell’elettronica di controllo
•
Svitare le viti di fissaggio (1) ed il distanziatore (2).
•
Prendere nota della posizione di tutti i connettori rimanenti.
•
Rimuovere il connettore X3 (vedi 6.3) servendosi dell’estrattore, nel punto adatto.
•
Prelevare verso l’alto l’elettronica di controllo.
1 + 2 6 manicotti distanziatori (corti)
l= 2,4 mm
3
4 manicotti distanziatori l= 7,5 mm
Fig. 6-14
Controllo dei manicotti distanziatori
•
Controllare i manicotti distanziatori (le pos. 1-3 sono di lunghezze differenti!).
•
Appoggiare l’elettronica di controllo e fissarla nuovamente. Il montaggio avviene nella
sequenza inversa. Per il collegamento dei cavi tenere presenti le annotazioni
precedentemente fatte e lo schema di cablaggio (vedi 4.1.1).
44
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
6.6
Sostituzione del sistema cardanico
Qualora occorra sostituire la sospensione cardanica, forse perché non c’è sufficiente spazio in
altezza per il modello comfort che è stato montato, procedere in questo modo:
Avvertimento!
Rischio di rimbalzo del braccio elastico!
Il braccio elastico scatta verso l’alto se si rimuove il corpo della
lampada senza mettere la sicura!
Quindi, prima di smontare parti del corpo della lampada, occorre
bloccare innanzi tutto il braccio elastico immobilizzandolo in basso!
•
Rimuovere la parete posteriore della parte centrale (vedi "Rimozione della parete
posteriore", pag. 38.
1 Passante per il sistema cardanico
2 Morsetti di sostegno per la lastra di vetro
Fig. 6-15
Fissaggio del sistema cardanico
•
Prendere nota delle posizioni di collegamento dei cavi che conducono al corpo della
lampada attraverso il sistema cardanico.
•
Staccare il cavo possibilmente con l’aiuto dell’estrattore, vedi 6.3.
•
Allentare i fissaggi dei cavi (fascetta serracavi e se necessario anche i morsetti di
sostegno (2)).
1 Parte centrale
2 2 viti di arresto
3 Vite di sicurezza
4 Sistema cardanico
Fig. 6-16
Fissaggio del sistema cardanico
•
Rimuovere le due viti di arresto (2) (è sufficiente un quarto di giro).
•
Allentare la vite di sicurezza e svitarla.
V 1.0
45
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
3 Vite di sicurezza
4 Segmento di sicurezza
5 Anello scorrevole
Fig. 6-17
Fissaggio del sistema cardanico
•
Estrarre il segmento di sicurezza (4)
•
Ora il sistema cardanico è libero è può essere sfilato dalla parte centrale.
Le viti frenanti rimangono montate.
•
Allentare il cavo di collegamento e sfilarlo da dietro dall’alloggiamento.
1 Anello scorrevole
2 Sistema cardanico
Fig. 6-18
•
Nuovo sistema cardanico
Il montaggio del nuovo sistema cardanico avviene nella sequenza inversa.
1 Morsetto di sostegno
2 Fascetta serracavi
Fig. 6-19
Nuovo fissaggio del cavo
•
Rimontare cavi, fascette e morsetti di sostegno secondo gli schemi iniziali.
•
Rimontare il pannello posteriore (cfr. 6.2).
46
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
6.7
Sostituzione del pannello di comando
Il pannello di comando viene smontato se c’è un guasto o se si deve sostituire il suo
alloggiamento.
1 Frontalino con pannello di comando tattile
2 Viti di fissaggio del sistema cardanico
3 4 viti a testa cilindrica M4x20
Fig. 6-20
•
•
•
•
Smontaggio del pannello di comando
Svitare la parte frontale (1) del pannello.
Con un estrattore (vedi 6.3) staccare i cavi dalla scheda di distribuzione, prendendo nota
delle posizioni.
Qualora sia necessario cambiare completamente l’alloggiamento, svitare le viti di fissaggio
del sistema cardanico (2) e rimuovere l’alloggiamento. Lasciare i cavi nel sistema
cardanico.
Il montaggio avviene nella sequenza inversa.
1 Frontale del pannello di comando
2 Pannello di comando tattile
3 Sostegno con 3 viti Ejot PT
4 3 viti Ejot PT
Fig. 6-21
•
•
•
Smontaggio dell’elettronica del pannello di comando
Svitare il sostegno (3) e allentare le viti restanti (4).
Sostituire il pannello di comando tattile.
Il montaggio avviene nella sequenza inversa.
V 1.0
47
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
6.8
•
Sostituzione di un vetro della lampada
Rimuovere il pannello posteriore della parte della lampada in questione (vedi "Rimozione
della parete posteriore", pag. 38).
1 Viti per truciolato 4x20 mm
2 Morsetti di sostegno
Fig. 6-22
Vetro della lampada con morsetti di sostegno
•
Svitare tutti i morsetti di sostegno (2).
•
Togliere il diaframma.
•
Sfilare, eventualmente pulire o sostituire il vetro.
Il montaggio del corpo lampada avviene nella sequenza inversa allo smontaggio, e inizia con
l’installazione del vetro.
6.9
Caricamento del software
•
Spegnere la lampada dal pannello di comando.
•
Rimuovere il sensoGrip (cfr. 6.2).
•
Innestare il connettore di servizio.
1 Linguetta sulla scheda Micro SD
2 Scheda Micro SD
3 Lettore di schede
Fig. 6-23
48
Innesto della scheda Micro SD
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
•
Con l’aiuto della linguetta (1) innestare la scheda Micro SD (2) nel lettore (3)
dell’elettronica di comando – i contatti devono essere rivolti verso l’alto.
2 Scheda Micro SD
3 Lettore di schede
Fig. 6-24
Innesto della scheda Micro SD
•
Effettuare una leggera pressione sulla scheda Micro SD (2) finché scatta all’interno del
lettore (3).
- Il display del pannello di comando indica ora "UPD" nella riga di stato (cfr. 7.3.2).
•
Premere il tasto "On" del pannello di comando – inizia così l’aggiornamento del software.
4 LED lampeggiante
Fig. 6-25
•
LED lampeggiante durante l’Update
Osservare il LED verde (4): se lampeggia brevemente 3 volte di seguito con pausa,
l'update del software è concluso.
Nota!
Il passo seguente viene riscontrato con l’illuminazione della lampada
scialitica (a piena luminosità!). Perciò quando si estrae la scheda
Micro SD occorre evitare di rivolgere lo sguardo alla lampada
scialitica!
•
Estrarre la scheda SD.
- La lampada si accende ora autonomamente.
•
Spegnere e riaccendere la lampada dal pannello di comando.
- La riga di stato (cfr. 7.3.2) indica ora la versione aggiornata del software.
V 1.0
49
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
7
Sistemi bus
7.1
Definizioni
7.1.1
Bus CAN e indirizzo
Il segnale del bus CAN necessita di 3 linee: CAN+, CAN- ed il livello di riferimento. Esso crea
una connessione tra le schede del circuito stampato controllate da processore, provviste di
collegamento per bus CAN.
In linea di massima ciascuno dei processori collegati può assegnare ordini a ciascuno degli altri
ed eseguire gli ordini di questi ultimi. L’indirizzo sull’interruttore DIP (posizione 0+1) impostato
all’interno del corpo della lampada corrisponde al numero per controllare la lampada tramite il
pannello di comando a parete.
Se una lampada facente parte di un gruppo di lampade è predisposta per l’installazione di una
telecamera, a quest’ultima viene assegnato l’indirizzo 0. Per le altre lampade l’indirizzo è
assegnato in modo incrementale (1, 2, 3), indipendentemente dalla loro sequenza meccanica
nel sistema dei bracci (fino a settembre 2008).
7.1.2
Resistenza terminale RA del bus CAN
Il bus CAN deve essere munito alle due estremità di una resistenza terminale. Nelle lampade
della KLS Martin ciascuna scheda di circuito stampato con bus CAN dispone di una resistenza
terminale collegabile o meno, attivata per tutte le apparecchiature con indirizzo=0 (e
disattivata per tutte le altre schede).
Nota!
Anche se si aziona una singola lampada isolata, deve essere
impostata la sua resistenza terminale perché ogni "elettronica
combinata" apre un bus CAN già internamente ed è soggetta ad un
corretto funzionamento della comunicazione.
CAUTELA!
Possibile malfunzionamento in caso di regolazione errata
della resistenza terminale!
Se si attivano troppe o troppo poche resistenze terminali possono
emergere malfunzionamenti imprevedibili!
7.1.3
Bus I2C e indirizzo
Il bus I2C funziona sulla base di un segnale a 2 fili: I2C+ e I2C-. Nelle lampade della KLS
Martin esso mette in collegamento il dispositivo di controllo di una lampada con il pannello di
comando inserito e, nel caso di un pannello di comando a parete, la scheda del pannello di
comando con la scheda dell’interfaccia "marLED COM".
7.1.4
Interfaccia RS232
Il segnale RS232 necessita di 3 linee: Tx, Rx ed il livello di riferimento. Esso crea una
connessione tra le schede del circuito stampato controllate da processore ed i PC (Rx
dell’elettronica di comando va al Tx del PC e viceversa).
La scheda dell’interfaccia "marLED® COM" di un comando a parete può essere collegata tramite
la scheda di distribuzione per il controllo RS232 a PC e schermo tattile. Alla telecamera serve
un’interfaccia RS232 per il collegamento al PC e allo schermo tattile.
50
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
La telecamera installata su una lampada viene controllata tramite l’interfaccia RS232 del
dispositivo di controllo della lampada.
I parametri delle interfacce sono quelli di fabbrica e non possono essere modificati.
7.2
Commutatore DIP per indirizzo e resistenza terminale
Fig. 7-1
Commutatore DIP per indirizzo (SW6) e RA (SW4) su elettronica di comando (in alto) e SW1
per RA su scheda interfaccia di marLED-COM (in basso)
7.2.1
Commutatore DIP per indirizzi CAN (0=off, 1=on) e configurazione:
Impostazioni del commutatore DIP SW6: 1 = ON, 0 = OFF
Nel caso di sostituzione dell’elettronica di comando occorre acquisire le
impostazioni del commutatore DIP!
Nota!
SW6 (elettronica di comando)
N.° 1
N.° 2
Indirizzo CAN
3-7
N.° 8
Configurazione
0
0
0
Non
0
V10
1
0
1
usato
1
V16
0
1
2
1
1
3
L’indirizzo (0-3) per il bus CAN è regolato tramite commutatore DIP.
V 1.0
51
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Nell’elettronica di comando della lampada si tratta dei commutatori 1-2 del SW6, mentre i
commutatori 3-7 non sono occupati e il commutatore 8 del SW6 serve per la configurazione del
controllo della lampada.
Per la corretta sincronizzazione di diverse lampade, l’indirizzo deve essere impostato
correttamente anche senza pannello di comando a parete.
Commutatore DIP SW1/SW4 per resistenza terminale RA (0=off, 1=on):
N.° 1
N.° 2
RA
0
0
Spento
1
0
Acceso
0
1
Acceso
1
1
Acceso
La resistenza terminale RA per il bus di CAN è regolata anch’essa tramite 2 commutatori DIP,
che qui sono accesi parallelamente.
Nell’elettronica di comando della lampada questi sono i commutatori 1-2 di SW4, ai pannelli di
comando a parete sono invece i commutatori 1-2 di SW1.
Nell’elettronica di comando della lampada 1 e nel pannello di comando a parete la resistenza
terminale RA va regolata su "ON". E’ accesa ex fabbrica anche la resistenza terminale del
dispositivo di controllo della telecamera.
Nota!
Al massimo 3 resistenze terminali per il bus CAN!
Un bus CAN funzionante presuppone che siano accese almeno
una e al massimo tre resistenze terminali!
Se la tensione di alimentazione è spenta, la resistenza terminale può essere misurata
direttamente tra il CAN+ e il CAN- dato che anche i driver del bus hanno un’altissima
impedenza. Essa è di circa
- 120 ohm con una RA
60 ohm con due RA accese in parallelo
40 ohm con tre RA accese in parallelo
Senza RA la comunicazione dei bus può essere disturbata (segnali difettosi, perdita di singoli
partecipanti), un bus a impedenza troppo bassa agisce come un corto circuito (interferenza
completa del bus). La corretta comunicazione tra bus viene indicata da un LED a lampeggio
continuo sull’elettronica di comando e sull’interfaccia COM.
Nota!
Riavvio in seguito a modifiche delle impostazioni
In seguito a modifiche dell’indirizzo CAN o del commutatore DIP,
ovvero dopo la connessione o/e disconnessione di componenti, occorre
riavviare l’intero sistema della lampada scialitica (interruttore OFF-ON)
per rendere effettive le modifiche.
52
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Impostazione dell’indirizzo a partire dalla versione HW 10 (settembre 2008):
Nel caso di combinazioni di lampade con pannelli di comando a parete (cablaggio a 5 o 9 poli)
gli indirizzi devono essere assegnati alle lampade e ai rispettivi pannelli di comando a parete
nel modo seguente:
•
posizione assiale 4 = il braccio più alto: indirizzo "3"
•
posizione assiale 3 = indirizzo "2"
•
posizione assiale 2 = indirizzo "1"
•
posizione assiale 1 = il braccio più basso: indirizzo "0"
Fig. 7-2
Comunicazione dati del sistema di lampade marLED®, esempio
La temperatura del colore di tutte le lampade collegate viene sincronizzata tramite il bus CAN.
Il pannello di comando a parete viene azionato tramite bus CAN. I due segnali CAN e la
tensione di alimentazione sono trasportati da una linea schermata a 4 poli. Il bus CAN occupa
due linee (CAN-Hi e CAN-Low). Viene utilizzato un protocollo specifico non compatibile con i
protocolli esistenti, come ad esempio CAN Open.
Il corpo della lampada con collegamento a 9 poli ha un bus CAN di collegamento al dispositivo
di controllo della telecamera, oltre che un segnale S-Video. In caso di telecamera integrata nel
corpo lampada, essa verrà azionata dalle stesse linee di bus CAN della lampada. La telecamera
e il suo dispositivo di controllo in questo caso hanno una comunicazione diretta.
La lunghezza massima della linea del bus CAN è di 100 metri. Il cavo deve essere schermato.
La schermatura è allacciata al conduttore di protezione del tubo a soffitto. La sezione
trasversale del cavo deve essere superiore a 0,8 mm.
V 1.0
53
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Fig. 7-3
Cablaggio del bus CAN (5) nel sistema di bracci (vedi anche 4.3.2)
1 Presa telecamera (a 9 poli)
2 Presa alimentazione (a 5
poli)
3 Connettore lampada 1
4 Connettore lampada 1
5 Collegamento bus CAN
Se si dispone di un pannello di comando a parete, il suo collegamento dal connettore (2) viene
portato verso l’alto attraverso il tubo a soffitto e da lì il cavo di collegamento (15 m) porta al
pannello di comando a parete.
54
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
7.3
Componenti elettronici
7.3.1
Interfacce, connettori e fusibili dell’elettronica di comando
Fig. 7-4
Elettronica di comando con SW4 e tensione di alimentazione (a sinistra), SW6 e lettore di
schede X21 (a destra), punti di misurazione per tensione di alimentazione (in basso) e
collegamento per il sensoGrip (in basso a destra)
Sull’elettronica di comando sono messi separatamente in sicurezza 2 circuiti elettrici: Slave e
Master
Qualora salti di volta in volta soltanto un fusibile della lampada, almeno l’erogazione della luce
è garantita dall’altra parte. Come fusibili di rete (F9/F7) vengono utilizzati fusibili 8 AT (1).
L’elettronica di comando ha le seguenti interfacce dati:
•
Bus CAN per pannelli di comando esterni (connettore X34/X35)
•
Bus I2C per il pannello di comando alla lampada (spina X18)
•
Connettore per presa D-Sub (1) e telecamera (connettore X3)
La tensione di alimentazione dell’elettronica di comando può essere misurata ai raccordi delle
bobine contrassegnati con (+) e (-).
Assegnazione connettori X34/35/36/37 (tensione di alimentazione e CAN)
Immagine
V 1.0
Designazione
Pin
Colore Segnale / collegamento
X34
1
WH
CAN_HIGH
X35
2
BN
CAN_LOW
X36
3
X37
4
BU, GN GND, CAN GND
RD
Alimentazione +24-36 VDC
{con GND 24-36 TRMS}
55
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Assegnazione connettori X18 (I2C)
Immagine
Pin
Colore
Segnale / collegamento
1
WH
Alimentazione +5 V
2
BN
+3,3 V
3
GN
I2C SDA
4
YE
I2C SCL
5
GY
GND
Assegnazione connettori X3 (collegamento al sensoGrip)
Immagine
7.3.1.1
Pin
Colore
1
WH
Interruttore verso l’alto
Segnale / collegamento
2
BN
Interruttore verso il basso
3
GN
Interruttore a sinistra
4
YE
Interruttore a destra
5
GY
GND per interruttore
6
OG
Laser +
7
BU
Laser -
8
RD
Motore della telecamera +5,5
VDC
9
BK
Motore della telecamera - GND
10
VT
+9 V (isolato elettricamente)
11
GYPK
Telecamera TX (isolata
elettricamente)
12
RDBU
Telecamera RX (isolata
elettricamente)
13
WHGN
GND (isolato elettricamente)
Alimentazione elettrica dell’elettronica di comando
L’elettronica di comando è alimentata con una tensione nominale di 18–36 VDC. L’elettronica
di comando è protetta contro l’inversione di polarità alla tensione in ingresso.
Funzionamento di emergenza:
Se si accende la lampada scialitica, si illumina subito la lampada in funzione default.
L’elettronica della lampada si basa su due processori indipendenti l’uno dall’altro, il Master e lo
Slave. Qualora in uno dei due processori si verifichi un errore, questo viene individuato
dall’altro, che entra in funzionamento di emergenza, se era già stato precedentemente
acceso. Il funzionamento di emergenza si effettua con impostazioni standard. A seconda che
la funzione di emergenza sia assunta dal Master o dallo Slave, la funzionalità del controllo della
lampada sarà limitata.
56
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
7.3.2
Pannello di comando a parete
Per mezzo di un pannello di comando a parete si possono azionare le seguenti funzioni della
lampada:
- Luminosità (regolazione graduale)
- variLux (forma del campo luminoso a cerchio/ellisse)
- Spostamento del campo luce (messa a fuoco)
- Standby (acceso/spento)
L’alimentazione elettrica del pannello di comando a parete è la stessa occorrente per
l'elettronica di comando, ma viene prelevata direttamente nella parte a soffitto dalla lampada
che si trova nella posizione più bassa.
I pannelli di comando servono anche a visualizzare lo stato delle lampade e dei
malfunzionamenti, indicando ad esempio la lampada in attività o quella guasta.
Fig. 7-5
Immagine anteriore del pannello di comando a parete (a sinistra con commutatore (1) per
lampada e indicazione di stato (2)). A destra immagine posteriore (aperta)
Il pannello di comando a parete (con scheda di interfaccia COM, in basso nella figura) si
rende necessario se ci sono più lampade con comando a parete. Il pannello dispone delle
seguenti interfacce:
•
bus CAN per pannelli di comando esterni, X2
•
Bus I2C (X1, X4) fra interfaccia COM e display
•
Comando telecamera RS232 (X5/6/7)
La scheda d’interfaccia COM comunica con il pannello di comando tramite il bus I2C.
Il LED1 indica lo stato:
- verde: lampada accesa, funzionamento normale
- rosso: errore (il codice di errore Ennn viene indicato come stato (2))
- scuro: la lampada 1 è spenta
Il LED2 lampeggia in caso di funzionamento RS232 (es. OR1)
Il LED3 lampeggia in caso di corretta comunicazione sul bus CAN (collegamento con le
lampade).
V 1.0
57
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Assegnazione connettori X1+X4 (I2C)
Immagine
Pin
Colore Segnale /
collegamento
1
WH Alimentazione +5 V
2
BN
+3,3 V
3
GN
I2C SDA
4
YE
I2C SCL
5
GY
GND
Assegnazione connettore X2 (CAN)
Immagine X2
Pin
Colore Segnale / collegamento
(CAN)
1
YE
CAN+
2
GR
CAN-
3
GN
Alimentazione +24 V
4
BN
Alimentazione GND
5
6
7
8
7.3.3
Laser
Anche il contatto con il laser avviene tramite la spina di raccolta a 13 poli JST (X3
dell’elettronica di controllo). L’alimentazione è di 5 V.
Non appena la lampada viene mossa, si attiva uno dei quattro microinterruttori nel sensoGrip e
viene collegato contemporaneamente il laser.
7.3.4
Modulo di controllo della telecamera
Il dispositivo di controllo della telecamera viene collegato all’elettronica di comando tramite
bus CAN.
58
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
7.4
Sostituzione del blocco di contatto
Qualora sia stato sostituito il braccio snodabile o sia prevista una modifica, è necessario il
montaggio del blocco di contatto; lo stesso vale in caso di rottura di un cavo nel braccio
elastico o per la sostituzione dell’anello collettore.
Nota!
Fig. 7-6
Installazione del blocco di contatto con l’utensile da
montaggio!
•
Assicurarsi che le linguette di contatto di colore arancione (1) del
supporto di contatto siano ben posizionate sui corrispondenti anelli
collettori gialli (3).
•
Utilizzare l’utensile di montaggio (2) (codice art. 082-666-26-04).
Blocco di contatto del braccio snodabile
1 Linguette di contatto sul
supporto di contatto
2 Utensile di montaggio
3 Anelli collettori
4 Vite con intaglio a croce per
il fissaggio del blocco di contatto
Fig. 7-7
•
Montaggio del blocco di contatto sul braccio snodabile
Infine riassemblare il blocco di contatto ed il braccio elastico 1:1.
V 1.0
59
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
7.5
Verifica della tensione
L’impostazione della tensione serve a compensare cali di tensione derivanti da condizioni locali
di installazione (lunghezza del cavo, sezione trasversale, ecc.).
Qualora l’unità di alimentazione (UA) sia montata sul tubo a soffitto, la tensione è già stata
impostata in fabbrica (e non deve essere regolata in loco).Qualora l’unità di alimentazione (UA)
sia montata sul quadro di comando, l’impostazione della tensione deve invece essere effettuata
in loco.
Dopo l’installazione dell’unità di alimentazione(UA) occorre verificare che la tensione della
lampada (misurabile sul blocco di contatto del braccio snodabile) corrisponda al valore della
tensione nominale.
Se necessario, occorre correggere la tensione tramite la vite di impostazione del Power Module
(vedi "istruzioni per il montaggio marLux® / marLED®", cap. 14.2.2).
60
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
7.5.1
Controllo di tensione sul braccio snodabile/sul blocco di contatto
Il controllo della tensione avviene sul blocco di contatto (rimuovere prima il rivestimento).
Fig. 7-8
Rimuovere la maschera di rivestimento del braccio snodabile
•
Rimuovere la/le maschera/e di rivestimento dal/dai braccio/bracci snodabile/i.
•
Accendere la lampada o il gruppo di lampade e misurare la/le lampada/e durante la fase di
accensione/al massimo carico quando sono accese la lampada alogena e la lampada a
scarica di gas.
•
Misurare la tensione della lampada con un voltmetro RMS (gamma di misurazione: 30 V o
maggiore) tra le estremità +VDC e -VDC del morsetto del blocco di contatto.
Il valore della tensione di alimentazione misurata sul blocco di contatto (in condizioni di
massima intensità luminosa) deve essere di almeno 26 VDC e non può superare i 36 VDC.
Nota!
Caduta di tensione!
Al fine di ottenere una tensione ottimale di 24,0 VDC nell’elettronica di
controllo, la tensione dell’alimentatore deve essere regolata su almeno
26 VDC, per compensare la caduta di tensione dal tubo a soffitto alla
lampada (ca. 1,5 VDC).
Nel caso di alimentazione locale (versione da 24 V), la tensione a vuoto e in condizioni di carico
nominale deve corrispondere ad una gamma definita, che va da un minimo di 26 V ad un
massimo di 36 V.
•
Adeguare, se necessario, la tensione della lampada.
•
A regolazione avvenuta, riapporre la/le maschera/e di rivestimento della lampada.
V 1.0
61
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
7.6
backLite
7.6.1
Impostazioni backLite
1 Fotosensore
2 Spina di collegamento per
tensione di alimentazione
da 26 fino ad un massimo di 30
VDC
3 Punto di misurazione GND per
soglia di commutazione
4 Punto di misurazione +VDC per
soglia di commutazione
5 Potenziometro con
vite di regolazione
Fig. 7-9
backLite
backLite si trova all’estremità del braccio snodabile. La sua funzione è di misurare con un
fotosensore (1) l’intensità luminosa; esso si attiva o disattiva automaticamente nel caso in cui
non venga raggiunto (accensione) o sia superato (spegnimento) il livello prestabilito di
luminosità (intensità luminosa) nella stanza.
Nota!
Impostazione di base della soglia di commutazione alla consegna:
8,1 V con 26 VDC di tensione di alimentazione
Questa soglia di commutazione può essere modificata tramite potenziometro (5).
Se il backLite si accende in ritardo o non si accende affatto, la soglia di commutazione deve
essere innalzata.
Innalzamento della soglia di commutazione – il backLite si accende quando
l’ambiente è più luminoso
•
Ruotare verso destra in senso orario la vite di regolazione del potenziometro (5).
Se il backLite si accende con troppo anticipo o è continuamente acceso, occorre ridurre la
soglia di commutazione.
Riduzione della soglia di commutazione – il backLite si accende quando l’ambiente è
più buio
•
62
Ruotare verso sinistra in senso antiorario la vite di regolazione del potenziometro (5).
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
7.6.2
Opzione trasformatore di tensione per il backLite
Il braccio snodabile della lampada è munito di un trasformatore di tensione per il backLite,
collegato a monte con il backLite se si verificano le condizioni che seguono:
•
nel caso di una tensione di alimentazione > 30 fino ad un massimo di 40 VDC
•
se la lampada è alimentata a corrente alternata, congiuntamente ad un rettificatore
collegato a valle e ad un condensatore elettrolitico
1 Trasformatore di tensione
2 Connettore backLite
Fig. 7-10
V 1.0
Trasformatore di tensione per il backLite
63
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
8
Targhetta e numero di serie
Il numero di serie si trova sulla targhetta ed è composto nel seguente modo:
mV
10
XE
01
00
09
C
|
|
|
|
|
|
|
|
|
|
|
|
|
|
|
|
|
|
|
|
Modello C = Ceiling/Soffitto
|
|
|
|
|
Anno di fabbricazione 09 = 2009
|
|
|
|
Versione software
|
|
|
Versione hardware
|
|
|
|
|
3793
Numero progressivo dell’anno di
fabbricazione*
XE= tipo di light engine X, inoltre E = chiave di specificazione secondo
parametri elettrici, ottici e meccanici
Tipo V10 o V16
Lampada scialitica marLED® della KLS Martin
* Ogni di anno di fabbricazione ricomincia con il numero progressivo 0001.
In caso di richieste di chiarificazione e di reclami indicare sempre il numero di serie completo.
Per ulteriori informazioni si rinvia ai capitoli 8.1 e 8.2.
64
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
8.1
Composizione del numero di serie
Nota: Le posizioni 6 e 7 del tipo di prodotto sono descritte in tabelle separate.
"Tipo di prodotto"
( max. 7 caratteri
alfanumerici)
M
M
m
m
m
m
m
m
m
m
m
m
m
m
m
L
L
L
L
L
L
L
L
L
L
L
L
V
V
L
1
2
3
H
H
H
H
H
X
X
X
X
1
1
L
4. 5. 6. 7.
0
0
0
5
5
6
6
8
6
6
8
8
0
6
m T V F
F
F
F
F
F
m T V B
B
B
B
B
V
1
1
1
P
E
C
C
C
V
C
V
X
X
0 1
0
0
0
0
0
9
0
0
0
0
0
0
XX XX
Anno
fabb.
Designazione
Modello
Num.
progr.
XX
X
XXXX
1
2
3
4
5
x
1
2
3
4
5
5
C = Ceiling (soffitto normale)
L = Low Ceiling
Tipo di lampade marLux® (colonna 5):
(soffitto basso)
P = Plus
W = Wall (parete)
E = Versione ECO
M = Mobile
C = centriXbeam
(mobile, su stativo)
V = Vario
B = Battery (batteria)
Tipo di lampade marLED (colonna 5):
---
S = Sony
N = National Display
E = Eye Que
A = ACT Kern
V = Vorverkabelt, View Medic
(precablato, ViewMedic)
C = Ceiling (soffitto)
S = Steuergerät in B
(unità di controllo nel
supporto monitor)
B 0 6
B 0 7
V 0 7
T = Twin, sospensione duo
B 0 8
V 0 8
D = Decke (soffitto)
C = Ceiling (soffitto)
B 0 9
B 1 0
V 1.0
Spiegazioni
Modello:
vedi 9.1.1
1. 2. 3
Versione
HW SW
V10 = 10 light engine
X = Tipo di light engine
V16 = 16 light engine
A, B o C
LL = Raggio laser (raggio pilota)
F = Flat screen (schermo piatto)
F01 = TFT 18"
F02 = TFT 15"
F03 = TFT 19"
F04 = TFT 21"
F05 = TFT 23"
F9x = TFT speciale, modello per progetto specifico
B = supporto comfort per TFT
V = supporto ECO per TFT
B01 = per TFT da 24/300 V, con ASS
B02 = per TFT da 24/12 V, con ASS
B03 = per TFT da 24/12 V, senza ASS
B04 = per TFT da 24/300 V, senza ASS
B05 = senza TFT, solo filo trazione con arresti
interni nei giunti rotoidali
V 05 = come sopra
B06 = senza TFT, AC2000 con arresti interni,
tubo a soffitto di lunghezza a partire da 250
mm, con baldacchino girevole
B07 = per 2 TFT, OndaSpace con arresti interni,
filo trazione, tubo a soffitto di lunghezza a
partire da 250 mm, con baldacchino girev.
V05 = come sopra
B08 = senza TFT, AC2000 con arresti interni, filo
trazione, conduzione cavi dal basso
tramite asse supporto centrale
V05 = come sopra
B09 = per TFT, alimentatore monitor sul tubo
a soffitto, cablaggio a 9 poli
B10 = senza TFT, AC3000 con arresti interni, filo
trazione, conduzione cavi dal basso
tramite asse supporto centrale
V 10 = come sopra
65
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
"Tipo di prodotto"
( max. 7 caratteri
alfanumerici)
Versione
HW SW
1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.
XX XX
Anno
fabb.
XX
Designazione
Modello
Num.
progr.
X
Spiegazioni
XXXX
M T V K 0 3
K 0 4
m T V K 0 5
E = Elosoft
P = PAL
N = NTSC
Testina telecamera Elosoft Æ medTVproplus®
Testina telecamera Völker Æ medTVdigital®
Testina telecamera Feo Æ surgiCamdigital®
M T V A 0 3
E = Elosoft
A 0 4
P = PAL
N = NTSC
Sosp. telecamera su braccio separato Elosoft
Æ medTVproplus®
Sosp. telecamera su braccio separato Völker
Æ medTVdigital®
Sosp. telecamera su braccio separato Feo
Æ surgiCamdigital®
Unità di controllo Elosoft Æ medTVproplus®
Unità di controllo Völker Æ medTVdigital®
Unità di controllo Feo
Æ surgiCamdigital®
net-server
(Video Codec per MPEG4)
N = surgiCam
m T V A 0 5
M T V S
S
m T V S
M T V N
0
0
0
0
3
4
5
1
M T V H P 1
H N 1
m G T P 8
m G T P 1 4
M G T P 9 0
E = Elosoft
B = sistema di Base
M = sistema MPEG
S = con Sistema telcamera
A = Appar. Stand Alone
R = Lampada R
E = Lampada E
X = Xenon, lampada xx2
D = Decke (soffitto)
C = Ceiling (soffitto)
D = Decke (soffitto)
m S K A 1
S K A 2
H (Handle) = telecamera nell’impugnatura centr.
Æ medTVfokus®
P = PAL
N = NTSC
Piccola piattaforma portaapparecchi da 200x100
mm per telecamera di altra marca
Grande piattaforma portaapparecchi da
478x410 mm, carico max 14 kg
Console (con alimentaz. elettrica e aria
compressa) su OndaSpace, baldacchino
girevole
SKA1 = scatola comando "Aufputz" (montata in
superficie) per 1 lampada scialitica
SKA2 = scatola comando "Aufputz" (montata in
superficie) per 2 lampade scialitiche
ML = lampada KLS Martin
mL = lampada marLux®
Engine Type: A = Bin1, B = Bin2, C = Bin3
66
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
8.1.1
Spiegazioni relative alle posizioni 6 e 7 del codice "Tipo di prodotto":
6a posizone
Significato
0
24 V sulla piastra di montaggio della lampada mobile
1
Alimentatore switching sulla piastra di montaggio
2
24 V sul tubo a soffitto
3
Alimentatore switching sul tubo a soffitto
Esempio 1:
mLX6V1B xx yy 06L0001
Esempio 2:
mLX6C0A xx yy 06M0001
marLux® X6 centriXbeam
(0) = lampada mobile
(A) = senza altre opzioni
marLux® X6 Vario
(1) = aliment. switching su piastra
montaggio
(B) = con commutazione ASS
7a posizione
A
con commutazione
B
C
X
con comando a parete
con predisposizione per la
telecamera
D
E
F
X
X
G
H
X
X
X
X
I
X
X
X
X
X
con telecamera
X
X
L
M
X
X
X
X
X
N
O
X
X
®
X
P
Q
X
X
X
X
X
R
S
X
X
7a posizione
X
T
X
X
X
X
X
cablaggio
marLux®
marLED®
con commutazione
a 3 poli
a 5 poli
con comando a parete
a 5 poli
a 5 poli
con predisposizione per la telecamera
a 9 poli
a 9 poli
con telecamera
a 9 poli
a 9 poli
a 3 poli
a 5 poli
-----
a 3 poli
con laser pilota
®
Cablaggio marLED 3-polig
V 1.0
K
X
con laser pilota
Cablaggio marLED
a 3 poli
J
67
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
8.2
Numero di serie surgiCamdigital®
Nuova struttura del numero di serie surgiCamdigital® sulla targhetta della telecamera,
sul dispositivo di controllo e sul sistema del braccio
Tipo di prodotto
Modello
KLS-Martin
HW SW
Anno
fabb.
1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.
XX XX
XX
m T V C E A 5
| | | |
| | | |
| | | |
| | | |
| | | |
Designazione
Modello
X
Num.
progr.
Servizio
Esecutore
KLS-Martin
HW SW
XXX_
N
|
Telecamera: N = NTSC, P = PAL, _ = non rilevante (per telecamera HD)
Apparecchio di comando B = Base, V = Versione integrale (MPEG),
H = HD ready
Net-Server: S = con Sistema di telecamere, A = apparecchio Stand-Alone
(a sé stante)
| | | |
| | | 5 = Sistema FEO, 1 = Net-Server tipo 1
| | Telecamera:
| | Z = nell’impugnatura centrale
| | A = su braccio separato, _ = non rilevante
| Modello in sistema completo:
Modello singoli apparecchi:
S = Apparecchio di comando
| E = Economy
K = Telecamera
| B = Base
N = Net-Server
| V = Versione integrale (MPEG)
H = Telecamera HD
|
C = surgiCamdigital®
68
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
9
Cronologia degli aggiornamenti
Nota!
Versione di aggiornamento hardware e software (HW/SW)
La versione di aggiornamento HW/SW delle lampade marLux® si
ricava dal numero di serie (vedi cap. 8).
9.1
Prospetto delle modifiche software
Tipo di
lampada
marLED®
Modello
tutti
tutti
marzo
2009
SW 01
tutti
tutti
aprile
2009
SW 02
tutti
tutti
aprile
2009
SW 02
tutti
tutti
aprile
2009
SW 03
Data di
Stato di
riferiment aggiorn
o
amento
HW SW
Descrizione della modifica
Prospetto di upgrade del software dal 1048 al 1056
•
La direzione di rotazione del motore della telecamera è
modificata in modo che al dispositivo di controllo i tasti
"rotazione immagine sinistra e destra" siano occupati come nei
dispositivi di controllo delle lampade marLux®.
Upgrade software alla scheda d’interfaccia COM RS232 del
marLED® da 0113 a 0208
•
Le segnalazioni di errore possono essere resettate
accendendo e spegnendo il pannello di comando a parete.
•
Miglioramenti nel circuito do protezione Watchdog:
Ad intervalli regolari il software avvisa il Watchdog che sta
lavorando regolarmente. Questo intervallo di tempo è stata
perfezionato. Potrebbe essere la causa della segnalazione
d’errore E-50.
Upgrade software dell’elettronica di comando da 1056 a 1063
•
Ampliamento relativo al comando della telecamera dal
pannello di comando posto sul cardano della lampada
•
Ampliamenti intorno relativi alle funzioni OR1 per la scheda
®
d’interfaccia Com del marLED sul pannello di comando a
parete
•
La scheda d’interfaccia Com di marLED® non passa più
automaticamente in modalità backLite tramite il ”repeat” ma
solo dopo aver rilasciato (min. 1 sec.) e nuovamente premuto il
tasto di riduzione al minimo della luminosità.
(Questo è implementato direttamente nel firmware della
®
lampada e non nella scheda d’interfaccia Com del marLED )
Upgrade software sulla scheda d’interfaccia Com RS232 del
®
marLED da 0208 a 0242
•
Eliminato l’errore E-50
E-50 significa "Errore Watchdog" della scheda d’interfaccia Com
®
RS232 del marLED . L’errore può verificarsi nelle versioni software
più vecchie. A partire dal SW 0242 questo errore è eliminato.
•
Le segnalazioni di errore possono essere resettate
accendendo e spegnendo il pannello di comando a parete.
I comandi OR1 sono rimasti immutati.
Ampliata sequenza di indicazioni nel pannello di comando a
parete
Dopo la segnalazione relativa al software (es. 0242) c’è la
segnalazione sullo stato del collegamento OR1 (es. SCb0):
•
SCb0 = nessun collegamento OR1 (non disponibile)
•
SCb1 = collegamento con OR1
Lo stato del collegamento viene segnalato all’avvio.
V 1.0
69
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
9.2
Prospetto delle modifiche hardware
Tipi lampade
marLED®
Modello
Data di
riferimento
Stato
aggiornam.
HW/SW
tutti
tutti
marzo
2009
HW 01
Descrizione della modifica
Modifica viti di fissaggio alla parte posteriore dell’alloggiamento
Ci sono due tipi diversi di parte posteriore dell’alloggiamento, con
svasature differenti come pezzo di ricambio e parti
dell’alloggiamento con fori differenti.
Modifica del tipo di vite
fino a HW00
a partire da HW01
Vite Spax
Spax-S Torx
con intaglio a croce 4x20
Vite a testa svasata 3,5x20
Vite Torx da genn. 09
Vite a testa lenticolare con
intaglio a croce M4x20
Vite a testa svasata
Torx M4x20
Vite Torx da genn. 09
70
tutti
tutti
aprile
2009
HW 02
tutti
tutti
aprile
2009
HW 03
tutti
Telecamer
a o relativo
approntam
ento
aprile
2009
HW 04
tutti
tutti
maggio
2009
HW 05
Decade l’etichettatura usata finora "Bin 1, 2 o 3", relativa ai tipi di
light engine della lampada sotto la copertura dell’albero cardanico
della lampada.
Invece i diversi tipi di light engine sono definiti con "A, B o C" nella
targhetta di immatricolazione.
Es.: mV16A0Dxxxx
Installazione di una pellicola isolante sopra e sotto la scheda del
light engine come soluzione provvisoria
®
Le lampade su stativo e a parete marLED V10 e le singole
®
lampade a soffitto marLED V10 e V16 sono dotate adesso di
spine rotanti a 3 poli anziché a 5.
®
In caso di ammodernamento o di riorganizzazione da marLux a
®
marLED o a singole lampade da soffitto, ci possono essere
®
soltanto corpi lampada marLED V10 e V16 a 3 poli.
Nel caso di una combinazione di lampade non è possibile una
sincronizzazione della temperatura del colore a causa della
mancanza di collegamento CAN!
Il 7° carattere del numero di serie consente l’identificazione.
Tubo a soffitto per lampade con telecamera o allestimento per
digital®
:
telecamera surgiCam
Modifica del cablaggio (guida massa) per l’attacco a parete di
surgiCamdigital® e per il dispositivo di comando
Modifica del light engine
Riduzione di 0,3 mm della distanza fra l’ottica e la scheda del LED
sul light engine. Grazie a questo si ottiene un aumento dell’intensità
di illuminazione.
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
10
Dati tecnici
10.1
Dati tecnici generali
Colore del sistema di sospensione (tubo a soffitto, baldacchino, braccio snodabile, bracci
elastici) e corpo della lampada: -->RAL 9010 (bianco puro)
Colore della ghiera del corpo della lampada: --> "Argento metallizzato" simile a RAL 9006
(alluminio bianco).
V 1.0
71
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
10.2
Dati tecnici marLED®
marLED® V10
marLED® V16
Tensione ingresso alimentatore:
85-240 VAC, 50-60 Hz
Tensione di uscita alimentatore:
Tensione di allacciamento al
blocco di contatto
(21–28 VDC regolabile)
min. 24 VDC, max. 36 VDC
Potenza nominale alimentatore
240 VA
Potenza assorbita (prim./sec.)
Fonti luminose
ca. 80 VA/75 W
ca. 130 VA/120 W
LED ad alta prestazione, a
fasci di 10 light engine
LED ad alta prestazione, a
fasci di 16 light engine
Durata dei LED
Potenza massima
d’illuminazione Ec
25.000 h
110.000 lx
160.000 lx
ca. 380 W/m²
ca. 550 W/m²
Equivalente di radiazione
fotometrico
289 lm/W
289 lm/W
Diametro del campo illuminato
circolare
23 - 33 cm
25 - 35 cm
Diametro del campo illuminato
ovale
23 x 33 cm
25 x 35 cm
Diametro del campo illuminato
D50
12 cm
13 cm
Intensità di irradiazione
complessiva ad intensità di
illuminazione max.
Temperatura colore
3.800 K / 4.300 K / 4.800 K
Indice di riproduzione cromatica
Ra
95
Illuminamento residuo con un
disco d'ombra *
46%
63%
Illuminamento residuo con due
dischi d'ombra *
44%
51%
Illuminamento residuo in tubo
omologato *
99%
81%
Illuminamento residuo in tubo
omologato con un disco
d'ombra *
45%
45%
Illuminamento residuo in tubo
omologato con due dischi
d'ombra *
44%
37%
Dimming (Gradazione intensità
luminosa)
Uso
2 - 100%
Sterile tramite sensoGrip
Non sterile tramite pannello di comando sensoTouch
72
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Dati tecnici marLED® (continuazione)
marLED® V10
Profondità di illuminazione
(L1+L2)
marLED® V16
490+800 mm
Classe di protezione
I ai sensi della normativa IEC 60601-1
Tipo di apparecchio
B ai sensi della normativa IEC 60601-1
Condizioni ambientali
- Temperatura di stoccaggio
da -10 °C a +50 °C da 20 % a 90 % umidità (non
condensante)
- Temperatura di esercizio
da 5°C a +40 °C da 30% a 80% umidità (non condensante)
- Pressione atmosferica
min. 700–1.060 hPa
*
L’illuminamento residuosi si riferisce a Ec max.
Tutti i valori sono stati determinati in conformità alla normativa IEC 60601-2-41
Ci riserviamo eventuali modifiche nella tecnica e nel design. I valori illuminotecnici si intendono
con una tolleranza di misurazione del 5%.
V 1.0
73
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
11
Controllo di sicurezza tecnica (CST) e manutenzione
intensiva
11.1
Indicazioni sul controllo di sicurezza tecnica (CST) e sulla
manutenzione intensiva
Dopo tutti i lavori eseguiti su una lampada scialitica, come ad es. una riparazione, e comunque
al massimo ogni 24 mesi, è obbligatoria l’esecuzione di un controllo di sicurezza tecnica ad
opera di una persona autorizzata.
Nota!
Ogni 24 mesi, invece del prescritto CST, si consiglia di effettuare la
manutenzione intensiva continuativa.
•
I controlli di sicurezza tecnica e la manutenzione devono essere eseguiti esclusivamente da
personale che per qualifica, conoscenze ed esperienza acquisita sia in grado di effettuare
questi controlli e che abbia perfetta padronanza riguardo alla suddetta attività di controllo!
•
Queste conoscenze, capacità ed esigenze sono soddisfatte esclusivamente dal personale dei
centri di assistenza dell’azienda Gebrüder Martin o da personale appositamente addestrato
ed autorizzato!
•
I principi del verbale di consegna si basano sulle normative EN 60601 parte 2-41 "Norme
particolari per la sicurezza di lampade scialitiche e illuminazione ad uso medico" e DIN VDE
0751-1 "Prova di revisione e verifica prima della messa in funzione di dispositivi e sistemi
elettromedicali".
•
Occorre compilare un modulo del verbale per ogni lampada/per ogni corpo di lampada.
- Ciò significa che nel caso di intervento chirurgico con uso di un gruppo di lampade
marLED® V10 / V16 occorre compilare due fogli del verbale. Nel primo formulario
sottolineare "marLED® V10", "due lampade" e "a soffitto". Nel secondo formulario
sottolineare "marLED® V16", "due lampade" e "a soffitto".
- Sotto la voce "Informazioni supplementari" indicare gli apparecchi aggiuntivi e tutto ciò
che non rientra nelle soluzioni standard (soluzioni speciali). Un esempio sarebbe:
surgiCamdigital® montata sul corpo della lampada o su braccio separato (compreso il
numero di serie), monitor TFT, ecc.
- È imprescindibile indicare il numero della sala operatoria ed il numero di serie.
•
Redigere ciascun verbale in tre copie, osservando che:
- l’originale è destinato al cliente/all’operatore della lampada in oggetto
- una copia è prevista per il personale di servizio
- ed una copia deve essere inviata al centro di assistenza dell’azienda Gebrüder Martin.
PERICOLO! Toccare componenti sotto tensione può comportare il rischio di
folgorazione in seguito a scossa elettrica!
Interrompere pertanto in modo onnipolare i circuiti elettrici della
lampada o del gruppo di lampade dalla rete di alimentazione
dell’edificio per qualsiasi attività che non richieda necessariamente di
lavorare in condizioni di accensione della/e lampada/e ed assicurarsi di
evitare che la tensione venga riallacciata accidentalmente. Disattivare
eventualmente anche l’alimentazione di emergenza della lampada o
del gruppo di lampade!
74
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
PERICOLO! Pericolo di morte o di lesioni corporee gravi!
Nel caso di difetti che pregiudichino il sicuro funzionamento della
lampada (o del gruppo di lampade), occorre ritirarla immediatamente
dal servizio ed assicurarsi con misure idonee che non venga messa
accidentalmente in funzione (p. es. staccando i fusibili principali o
applicando segnali di avvertenza)! Informare immediatamente il
cliente e il centro di assistenza dell’azienda Gebrüder Martin!
V 1.0
75
Gebrüder Martin GmbH & Co. KG
Ludwigstaler Straße 132
D-78501 Tuttlingen/Germany
Verbale di manutenzione intensiva compreso il controllo sicurezza tecnica
Sottolineare la risposta appropriata:
marLED® V10 / V16 , TFT, surgiCamdigital®
1 lampada/2 lampade/3 lampade/4 lampade,
a soffitto/a parete/mobile
Informazioni supplementari:
Numero stanza/sala operatoria.
N.° serie
Cliente:
Ditta:
OK
1. Controllo della stabilità della costruzione a parete/a soffitto
Non OK
N.I.
a) Controllo della stabilità della costruzione della parete/del soffitto
– Coppia torcente degli ancoraggi di forte portata
( ______ Nm)
– Coppia torcente della costruzione del controsoffitto
( ______ Nm)
b) Controllo dell’allineamento del tubo a soffitto
c) Controllo degli anelli isolanti, delle rondelle piane e delle rondelle elastiche
d) Controllo dei raccordi a vite del tubo a soffitto
(______ Nm)
e) Controllo dei cavi elettrici, dei collegamenti e dei circuiti stampati
2. Controllo del collegamento equipotenziale/della resistenza del conduttore di protezione
Lampada: resistenza interna tra terminale principale di messa a terra (max. 0,3 Ω)
e
:
Ohm
( Vedi prima misurazione verbale di consegna )
3. Controllo del sistema del braccio portante
a) Controllo e fissaggio delle viti di supporto
b) Controllo della bussola di sicurezza
c) Controllo della vite di arresto
d) Controllo del segmento di sicurezza
e) Controllo delle viti di arresto
f) Controllo dell’impostazione del braccio elastico
g) Controllo targhetta di immatricolazione e avvertenze
h) Controllo dei contatti striscianti/contatti a innesto nel braccio
OK
Non OK
N.I.
N.I.
Gebrüder Martin GmbH & Co. KG
Ludwigstaler Straße 132
D-78501 Tuttlingen/Germany
4. Controllo del corpo della lampada
OK
non OK
N.I.
OK
non OK
N.I.
a) Controllo presenza danneggiamenti
b) Controllo dei collegamenti elettrici e dei contatti a innesto
c) Caricare l’attuale software
SW _____________
d) Controllo di light engine e vetro inferiore
e) Controllo alloggiamento lampada e parete posteriore
f) Controllo light engine
5. Controllo delle funzioni delle lampade
a) Controllo della commutazione di riserva della KLS Martin
b) Esecuzione del controllo funzionale in base al manuale
d’istruzioni
c) Controllo del campo luminoso
d) Controllo dell’intensità di illuminazione
VALORE RICHIESTO:
Min. – Max.
Misurato:
e) Controllo della tensione della lampada a carico nominale al
blocco di contatto
VALORE RICHIESTO:
Misurato:
26 - 36 VDC
Nessun difetto. La lampada scialitica può continuare a essere utilizzata.
È consentito l’esercizio della lampada scialitica nonostante siano stati riscontrati alcuni difetti.
Difetti che rendono necessaria la manutenzione o la riparazione della lampada scialitica prima della
prossima messa in esercizio, al fine di evitare rischi per i pazienti, per il personale medico o per terze
persone.
Strumenti di verifica (n.° identif.)
Osservazioni
Data / Firma:
Operatore / Cliente:
Tecnico di servizio
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
11.2
Indicazioni di verifica relative alla manutenzione intensiva
Le verifiche di sicurezza tecnica i cui risultati devono essere registrati nel verbale di consegna
sono ripartite in quattro capitoli:
•
Controllo della stabilità della costruzione della parete/del soffitto
•
Controllo del collegamento equipotenziale/della resistenza del conduttore di protezione
•
Controllo del sistema del braccio portante
•
Controllo delle funzioni delle lampade
Nota!
Se le indicazioni di verifica sono seguite da questo simbolo, occorre
documentare il test eseguito nel capitolo corrispondente del verbale di
consegna.
•
√
(ed indicazione della coppia torcente)
1) Controllo della stabilità della costruzione della parete/del soffitto
Strumento necessario:
chiave dinamometrica, prolunga, punte 17, 19, 23, livella a bolla d’aria
a) Controllo della stabilità della costruzione a parete/a soffitto
•
Verificare che tutti gli ancoraggi di forte portata e tutti i dadi di fissaggio della piastra di
ancoraggio al soffitto ed eventualmente della costruzione del controsoffitto siano ben fissati
osservando attentamente le seguenti indicazioni.
Coppia torcente degli ancoraggi di forte portata
Fig. 11-1
•
Controllo della coppia torcente degli ancoraggi di forte portata
Ancoraggio di forte portata 10/20
Coppia di serraggio MD = 50 Nm (usata per piastre circolari di ancoraggio al soffitto)
Tipi: marLux® H6 ECO/H5/H5 PLUS (versione a parete e a soffitto)
78
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
•
Ancoraggio di forte portata 12/25:
Coppia di serraggio MD = 80 Nm (usata per piastre quadrate di ancoraggio al soffitto)
Tipi: marLux® X8/H8/X6/H6 e tutte le sospensioni di gruppi di lampade
AVVERTI- Pericolo di morte o di lesioni corporee gravi!
MENTO!
Qualora non fosse possibile ottenere la coppia torcente indicata nella
didascalia precedente per uno o per più ancoraggi di forte portata,
occorre fissare nuovamente la piastra di ancoraggio al soffitto con
misure appropriate (p. es. tramite perforazione di nuovi fori di
fissaggio o spostamento della piastra di ancoraggio al soffitto)!
•
√
(e indicazione della coppia torcente)
Coppia torcente della costruzione del controsoffitto
1 Piastra di ancoraggio al soffitto
2 Dado M16
3 Controsoffitto
Fig. 11-2
Controllo della coppia torcente della costruzione del controsoffitto
•
Controllare eventualmente che tutti i dadi di fissaggio M16 della piastra di ancoraggio al
soffitto e della piastra del controsoffitto siano ben fissati servendosi di una chiave
dinamometrica di 65 Nm.
•
√
Nota!
Sul controllo della coppia torcente alla costruzione del
controsoffitto (CCS)!
Qualora la coppia torcente degli ancoraggi di forte portata e della
costruzione del controsoffitto fosse registrata nel verbale di consegna,
un ulteriore controllo è a discrezione del tecnico.
V 1.0
79
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
b) Controllo dell’allineamento del tubo a soffitto
•
Accertarsi che il tubo a soffitto sia ben allineato (perpendicolarmente) servendosi di una
livella a bolla d’aria.
•
√
c) Controllo degli anelli isolanti, delle rondelle piane e delle rondelle elastiche
•
Controllare che tutti i raccordi a vite del tubo a soffitto siano completi di anelli isolanti (1),
rondelle piane (2) e rondelle elastiche (3)
•
√
1 Anelli isolanti
2 Rondelle piane
3 Rondella elastica
4 Dadi M12
Fig. 11-3
80
Controllo dei raccordi a vite del tubo a soffitto
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
d) Controllo dei raccordi a vite del tubo a soffitto
•
Controllare che i dadi di fissaggio (4) siano ben fissati ai raccordi a vite del tubo a soffitto
(coppia torcente: 45 Nm).
•
√
Fig. 11-4
Controllo della coppia torcente nei raccordi a vite del tubo a soffitto
Nota!
Per verificare con quale coppia di serraggio devono essere stretti i
dadi, i raccordi a vite devono essere sgravati dagli effetti a leva dei
bracci e del/dei corpo/i della/e lampada/e.
•
Ruotare i(il) bracci/o a guida 4 nella posizione indicata nella didascalia a), controllare la
coppia di serraggio dei due dadi (1) e stringere i dadi a 45 Nm!
•
Ruotare i(il) bracci/o a guida 4 nella posizione indicata nella didascalia b), controllare la
coppia di serraggio dei due dadi (2) e stringere i dadi a 45 Nm!
•
Ruotare i(il) bracci/o a guida 4 nella posizione indicata nella didascalia c), controllare la
coppia di serraggio dei due dadi (3) e stringere i dadi a 45 Nm!
e) Controllo dei cavi elettrici, dei collegamenti e dei circuiti stampati
•
Controllare che tutti i collegamenti a vite e a morsetto dei componenti elettrici
(alimentazione elettrica, commutatore dell’unità di alimentazione supplementare ASS, ecc.)
siano stabili e in buone condizioni. Controllare inoltre che i collegamenti ed i circuiti
stampati siano in adeguate condizioni di servizio.
•
√
V 1.0
81
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
2) Controllo del collegamento equipotenziale/della resistenza del conduttore
di protezione
Strumento necessario: dispositivo di misurazione (ad es. Bender Unimet 300 ST)
Nota!
•
Il valore minimo di misurazione è di 0,2 A
•
La tensione a circuito aperto massima è di 24 V e la minima di 4 V.
a) Lampada mobile
Rimax = 0,3 Ω
1 Cavo di rete
2 Terminale di messa a terra
3 Strumento di misurazione
4 Circuiti di misura
Fig. 11-5
Misurazione della resistenza della lampada mobile
b) Lampada con collegamento fisso
Rimax = 0,3 Ω
1 Alimentazione elettrica
2 Terminale principale di messa a
terra
3 Strumento di misurazione
4 Circuiti di misura
5 Spina di accesso esterno
Fig. 11-6
82
Misura della resistenza lampada con collegamento fisso
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
Nota!
Il metodo di misurazione tramite il conduttore di protezione va
applicato solo se il collegamento al soffitto in seguito non è più
accessibile, p. es. a causa di un impianto di ventilazione a soffitto.
Premessa fondamentale è che, al momento della prima installazione,
si prenda nota del punto 5 e del valore di resistenza tra i punti 2 e 5
nel verbale di consegna. I valori di questa prima misurazione possono
essere tenuti in considerazione come riferimento per ogni misurazione
successiva.
•
Misurare eventualmente la resistenza tra il terminale principale di messa a terra (2) ed il
terminale più vicino di messa a terra (5)
•
Documentare in questo caso la collocazione del terminale supplementare di messa a terra
(5) e annotare il valore misurato tra questo punto ed il terminale principale di messa a
terra (2) nel verbale di consegna
•
Dopo l’installazione della lampada o del gruppo di lampade misurare la resistenza tra i
punti 2 e 5 e tra tutti i componenti metallici della lampada ed annotare i valori più elevati
nel verbale di consegna
•
√
3) Controllo del sistema del braccio portante
Strumento necessario:
calibro a corsoio, cacciavite ad intaglio, cacciavite con intaglio a croce, chiave esagonale a
gomito, spray per contatti, grasso (p. es. Molycote MOS 2), sigillante Loctite
a) Controllo e fissaggio delle viti di supporto
Fig. 11-7
V 1.0
Viti di supporto del tubo a soffitto e del braccio snodabile
83
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
•
Controllare che le sei viti di supporto del braccio snodabile collegato al tubo a soffitto e le
due viti di supporto del braccio elastico al braccio snodabile siano montate correttamente e
ben fissate
PERICOLO! Pericolo di lesione o di danneggiamento dovuto a sistema di
braccio portante in caduta!
I bracci snodabili ed i bracci elastici sono molto pesanti e rischiano di
crollare qualora si dovessero allentare le viti di supporto!
•
Montare le lampade ed i sistemi di sospensione con l’ausilio di
una seconda persona e/o con un dispositivo di sollevamento!
•
Sostituire le eventuali viti di supporto mancanti e fissarle una dopo l’altra con il sigillante
Loctite
•
√
b) Controllo della bussola di sicurezza
•
Accertarsi che la bussola di sicurezza (1) e la relativa vite di fissaggio non presentino
incrinature o deformazioni e, in caso contrario, sostituirla
•
√
1 Bussola di sicurezza
2 Segmento di sicurezza
3 Vite di sicurezza,
vite a testa svasata M4x5
senza rondella piana
ai sensi della norma DIN 7985
4 Presa del braccio elastico
5 Vite con intaglio a croce
6 Innesti della staffa della lampada
7 Scanalature per gli innesti della
staffa della lampada
Fig. 11-8
84
AC2000
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
1 Manicotto scorrevole braccio
elastico
2 Viti di sicurezza (2x)
4 Vite frenante
5 Apertura per il montaggio
Fig. 11-9
AC 2000LC e Onda Space LC
c) Controllo della vite di sicurezza
•
Controllare che la vite di sicurezza (3 o 2) siapresente e che la lunghezza e posizione siano
corrette:
-
•
AC2000: Vite a testa cilindrica tonda M4x5 senza rondella piana (ai sensi della norma
DIN 7985)
√
d) Controllo del segmento di sicurezza
Fig. 11-10 Segmento di sicurezza AC2000 (fino a 06. 2006)
•
AC1400/AC2000 (a partire da 06.2006)
Assicurarsi che, nel caso dei bracci elastici AC1400/AC2000, il punto di inserzione del
segmento di sicurezza abbia uno spessore minimo di 1,5 mm. In caso contrario procedere
alla sostituzione del segmento.
Fig. 11-11
V 1.0
Segmento di sicurezza AC3000
Onda Space
85
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
CAUTELA! Pericolo di lesioni corporee lievi o di danni materiali!
I bracci elastici AC3000 e Onda Space (OSP) sono in genere cablati e
sprovvisti di una vite ridondante di fine corsa. Si può controllare il
segmento di sicurezza solo con l’aiuto di una seconda persona che
possa tenere il carico agganciato o l’innesto nel braccio elastico in
posizione!
•
Assicurarsi che il punto di inserzione del segmento di sicurezza abbia uno spessore minimo
di 1,5 mm (AC3000) e di 3,5 mm (Onda Space). In caso contrario procedere alla
sostituzione del segmento
•
Ingrassare il segmento di sicurezza (p. es. con Molycote MOS 2)
•
√
e) Controllo delle viti di arresto
•
Controllare che le viti di arresto siano montate correttamente sui/l bracci/o e sulla/e
staffa/e della lampada
•
Se necessario, avvitare ulteriormente le viti di arresto in modo tale che il braccio ed il corpo
della lampada siano ancora manipolabili, ma non possano spostarsi da soli
•
√
Fig. 11-12
Posizione della vite frenante ad un tipico sistema di bracci
f) Controllo dell’impostazione del braccio elastico
•
Controllare che la forza elastica e l’arresto in altezza del braccio o dei bracci elastici siano
impostati correttamente
•
√
86
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
g) Controllo della targhetta di immatricolazione e delle avvertenze
•
Controllare che la/le targhette di immatricolazione siano presenti e leggibili
•
Nel caso di lampade con laser pilota controllare che siano presenti e leggibili le etichette
adesive di avvertenza
•
√
h) Controllo dei contatti striscianti/contatti a innesto nel braccio snodabile
Fig. 11-13
1, 2
PE (GNYE)
3
+VDC (RD)
4
-VDC (BU)
5
CAN+ (WH)
6
CAN– (BN)
7
Video Y Schermo
8
Video Y Segnale (WH)
9
Video C Schermo
10
Video C Segnale (BN)
Blocco di contatto a 9 poli di lampada con pannello di comando a parete e telecamera o TFT
•
Spruzzare le molle di contatto nel blocco degli anelli collettori con spray per contatti e
ruotare contemporaneamente il braccio di 360°
•
Controllare il cavo ai contatti d’innesto
•
√
V 1.0
87
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
4) Controllo del corpo della lampada
a) Controllo presenza danneggiamenti
•
Controllare l’eventuale presenza di danni e di crepe sul corpo della lampada.
•
√
b) Controllo dei collegamenti e dei contatti a innesto
•
Controllare tutti i contatti ad innesto ed i collegamenti dei cavi con le schede (vedi Fig. 7-4
pag. 55 relativa all’elettronica di comando. Eventualmente essi devono essere fissati con la
fascetta serracavi.
•
√
c) Caricamento dell’attuale versione software
•
Osservare a questo proposito il paragrafo 6.9, pag. 48. Il nuovo numero del software deve
essere annotato nel verbale e sulla scheda di circuito di controllo.
•
√
d) Controllo di light engine e vetro inferiore
•
Controllare che non vi siano tracce di sporco o danneggiamenti sui light engine sul lato
interno del vetro inferiore. Per la pulizia non usare detergenti aggressivi.
•
√
e) Controllo alloggiamento lampada e parete posteriore
•
Controllare che non vi siano tracce di sporco, danneggiamenti o difetti di verniciatura
sull’alloggiamento della lampada e sulla parete posteriore. Per la pulizia non usare
detergenti aggressivi.
•
√
f) Controllo light engine
•
88
Controllare la focalizzazione con l’aiuto del vetro smerigliato, come indicato nella figura.
Si devono distinguere rispettivamente e chiaramente 3 LED bianchi e uno rosso.
Nel caso di una disfunzione sostituire il light engine (vedi 6.4).
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
5) Controllo delle funzioni delle lampade
Strumento necessario:
Istruzioni per l’uso,
Voltometro True RMS
Luxmetro, gamma di misurazione da 0,1 fino a 199 900 lx
a) Controllo del commutatore dell‘unità di alimentazione supplementare (ASS)
KLS Martin (commutazione rete-batterie)
•
Controllare il corretto funzionamento della commutazione all’unità di alimentazione
supplementare (se disponibile) p. es. scollegando il fusibile automatico della rispettiva
lampada o del gruppo di lampade o rimuovendo la molletta portafusibile dal connettore
multipolare del tubo a soffitto
•
√
b) Esecuzione del controllo funzionale in base al manuale d’istruzioni
•
Eseguire il controllo funzionale di tutte le funzioni di comando delle lampada o del gruppo di
lampade. Osservare a tale scopo il relativo manuale d’istruzioni ed eventualmente anche il/i
manuale/i d’istruzioni dei componenti opzionali (p. es. monitor o telecamera).
•
√
V 1.0
89
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
c) Controllo del campo luminoso
•
Sistemare orizzontalmente il corpo della lampada e verificare se la lampada genera un
campo luminoso circolare sulla superficie di osservazione posta ad una distanza di un metro
•
√
d) Controllo dell’intensità di illuminazione
•
Misurare l’intensità di illuminazione sulla superficie di osservazione posta ad una distanza di
un metro usando il campo luminoso più piccolo senza regolatore graduale
Gamma di valori nominali dell’intensità di illuminazione
Modell
marLED® V10
marLED® V16
Ec
100-110 klx
135-160 klx
•
Riportare il valore misurato sul verbale di controllo
•
√
e) Controllo della tensione della lampada in caso di carico nominale sul blocco di
contatto di tutti i modelli marLux®
•
Il valore della tensione di alimentazione misurata sul blocco di contatto (in condizioni di
massima intensità luminosa) deve essere di almeno 26 VDC e non può superare i 36 VDC
•
√
90
V 1.0
Gebrüder Martin GmbH & Co. KG
Ludwigstaler Straße 132
D-78501 Tuttlingen/Germany
Verbale di consegna e controllo di sicurezza tecnica
Sottolineare la risposta appropriata:
marLED® V10 / V16 , TFT, surgiCamdigital®
1 lampada/2 lampade/3 lampade/4 lampade,
a soffitto/a parete/mobile
Informazioni supplementari:
Numero stanza/sala operatoria:
N.° serie
Cliente:
Ditta:
OK
1. Controllo della stabilità della costruzione a parete/a soffitto
Non OK
N.I.
a) Controllo della stabilità della costruzione a parete/a soffitto
b) Controllo del sistema portante (verificare che non presenti danni)
c) Controllo del corretto funzionamento del sistema portante
2. Controllo del collegamento equipotenziale/della resistenza del conduttore di protezione
N.I.
Lampada: resistenza interna tra terminale principale di messa a terra (max. 0,3 Ω)
e
:
( Vedi prima misurazione verbale di consegna )
3. Controllo del corpo della lampada
Ohm
OK
non OK N.I.
a) Controllo targhetta di immatricolazione e avvertenze
b) Esecuzione del controllo funzionale in base al manuale
d’istruzioni
c) Controllo del campo luminoso
d) Controllo dell’intensità di illuminazione
VALORE RICHIESTO:
Min. – Max.
Misurato:
e) Controllo della tensione della lampada a carico nominale al
blocco di contatto
VALORE RICHIESTO:
Misurato:
26 - 36 VDC
Nessun difetto. La lampada scialitica può continuare a essere utilizzata.
È consentito l’esercizio della lampada scialitica nonostante siano stati riscontrati alcuni difetti.
Presenza di difetti che rendono necessaria la manutenzione o la riparazione della lampada scialitica prima della
prossima messa in esercizio, al fine di evitare rischi per i pazienti, per il personale medico o per terze persone.
Strumenti di verifica (n.° identif.)
Osservazioni
Data/Firma:
Operatore / Cliente:
Tecnico di servizio
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
11.3
Indicazioni sul controllo di sicurezza tecnica (CST)
1) Controllo della costruzione a parete/a soffitto e del sistema portante
a) Controllo della stabilità della costruzione a parete/a soffitto
•
Controllare la stabilità della costruzione a parete/a soffitto facendo vibrare
adeguatamente il braccio a guida in tutta l’area di rotazione della lampada scialitica
b) Controllo dei guasti al sistema portante
•
Controllare lo stato corretto del braccio e dei bracci elastici. Osservare inoltre che non vi
siano deformazioni, incrinature e danni di verniciatura
c) Controllo della corretta funzionalità del sistema portante
•
Controllare che il corpo della lampada possa essere posizionato senza sforzi eccessivi ma
che tuttavia rimanga fermo in sicurezza in qualsiasi posizione. Regolare eventualmente le
viti frenanti e il fine corsa in altezza come descritto nelle relative istruzioni di montaggio.
2) Controllo collegamento equipotenziale/resistenza conduttore protezione
Strumento necessario: Dispositivo di misurazione (ad es. Bender Unimet 300 ST)
Nota!
•
Il valore minimo di misurazione è di 0,2 A
•
La tensione a circuito aperto massima è di 24 V e la minima di 4 V.
a) Lampada mobile
Rimax = 0,3 Ω
1 Cavo di rete
2 Terminale di messa a terra
3 Strumento di misurazione
4 Circuiti di misura
Fig. 11-14
92
Misurazione della resistenza della lampada mobile
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
b) Lampada con collegamento fisso
Rimax = 0,3 Ω
1 Alimentazione elettrica
2 Terminale principale di messa a
terra
3 Strumento di misurazione
4 Circuiti di misura
5 Spina di accesso esterno
Fig. 11-15
Misura della resistenza lampada con collegamento fisso
Nota!
Il metodo di misurazione tramite il conduttore di protezione va
applicato solo se il collegamento al soffitto in seguito non è più
accessibile, p. es. a causa di un impianto di ventilazione a soffitto.
Premessa fondamentale è che, al momento della prima installazione,
si prenda nota del punto 5 e del valore di resistenza tra i punti 2 e 5
nel verbale di consegna. I valori di questa prima misurazione possono
essere tenuti in considerazione come riferimento per ogni misurazione
successiva.
•
Misurare eventualmente la resistenza tra il terminale principale di messa a terra (2) ed il
terminale più vicino di messa a terra (5)
•
Documentare in questo caso la collocazione del terminale supplementare di messa a terra
(5) e annotare il valore misurato tra questo punto ed il terminale principale di messa a
terra (2) nel verbale di consegna
•
Dopo l’installazione della lampada o del gruppo di lampade misurare la resistenza tra i
punti 2 e 5 e tra tutti i componenti metallici della lampada ed annotare i valori più elevati
nel verbale di consegna
•
√
V 1.0
93
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
3) Controllo del corpo della lampada
a) Controllo della targhetta di immatricolazione e delle avvertenze
•
Controllare che la/le targhette di immatricolazione siano presenti e leggibili
•
Nel caso di lampade con laser pilota controllare che siano presenti e leggibili le etichette
adesive di avvertenza
•
√
b) Esecuzione del controllo funzionale in base al manuale d’istruzioni
•
Eseguire il controllo funzionale di tutte le funzioni di comando delle lampada o del gruppo di
lampade. Osservare a tal scopo il relativo manuale d’istruzioni ed eventualmente anche il/i
manuale/i d’istruzioni dei componenti opzionali (p. es. monitor o telecamera).
•
√
d) Controllo del campo luminoso
•
Sistemare orizzontalmente il corpo della lampada e verificare se la lampada genera un
campo luminoso circolare sulla superficie di osservazione posta ad una distanza di un
metro.
•
√
d) Controllo dell’intensità di illuminazione
•
Misurare l’intensità di illuminazione sulla superficie di osservazione posta ad una distanza di
un metro usando il campo luminoso più piccolo senza regolatore graduale.
Gamma di valori nominali dell’intensità di illuminazione
Modello
marLED® V10
marLED® V16
Ec
100-110 klx
da 135 a 160 klx
•
Riportare il valore misurato nel verbale di controllo.
•
√
e) Controllo della tensione della lampada a carico nominale al blocco di contatto
Il valore della tensione di alimentazione misurata sul blocco di contatto (in condizioni di
massima intensità luminosa) deve essere di almeno 26 VDC e non può superare i 36 VDC.
•
94
√
V 1.0
KLS Martin marLED® V10 / V16
Manuale di servizio
12
Pezzi di ricambio
Nel file "Pezzi di ricambio" contenuto nel CD in dotazione ci sono indicazioni e informazioni
riguardanti i pezzi di ricambio e il codice articolo.
V 1.0
95
KLS Martin Group
Karl Leibinger GmbH & Co. KG
78570 Mühlheim · Germany
Tel. +49 74 63 838-0
[email protected]
KLS Martin France SARL
68000 Colmar · France
Tel. +33 3 89 21 66 01
[email protected]
KLS Martin L.P.
Jacksonville, Fl 32246 · USA
Office phone +1 904 641 77 46
[email protected]
KLS Martin GmbH + Co. KG
79224 Umkirch · Germany
Tel. +49 76 65 98 02-0
[email protected]
Martin Italia S.r.l.
20059 Vimercate (MB) · Italy
Tel. +39 039 605 67 31
[email protected]
Orthosurgical Implants Inc.
Miami, Fl 33186 · USA
Office phone +1 877 969 45 45
[email protected]
Stuckenbrock Medizintechnik GmbH
78532 Tuttlingen · Germany
Tel. +49 74 61 16 11 14
[email protected]
Nippon Martin K.K.
Osaka 541-0046 · Japan
Tel. +81 6 62 28 90 75
[email protected]
Gebrüder Martin GmbH & Co. KG
Representative Office
121471 Moscow · Russia
Tel. +7 (499) 792-76-19
[email protected]
Rudolf Buck GmbH
78570 Mühlheim · Germany
Tel. +49 74 63 99 516-30
[email protected]
Martin Nederland/Marned B.V.
1270 AG Huizen · The Netherlands
Tel. +31 35 523 45 38
[email protected]
Gebrüder Martin GmbH & Co. KG
A company of the KLS Martin Group
Ludwigstaler Str. 132 · 78532 Tuttlingen · Germany
Postfach 60 · 78501 Tuttlingen · Germany
Tel. +49 7461 706-0 · Fax 706-193
[email protected] · www.klsmartin.com
06.09 · 90-743-65-10 · Printed in Germany · Copyright by Gebrüder Martin GmbH & Co. KG · Alle Rechte vorbehalten · Technische Änderungen vorbehalten
We reserve the right to make alterations · Cambios técnicos reservados · Sous réserve de modifications techniques · Ci riserviamo il diritto di modifiche tecniche
Download
Related flashcards
Create Flashcards